Baciata da un sole primaverile e dal successo, nel corso della mattinata di lunedì 26 dicembre, si è svolta la seconda edizione della Camminata di Babbo Natale organizzata dal Lions Club Forlì Host e dal Leo Club, con il patrocinio del Comune di Forlì e dell’Azienda USL della Romagna. Sono partiti in 500 dal Parco Urbano “Franco Agosto” di Forlì per il centro cittadino percorrendo le principali vie della città, nonché quelle storiche come vicolo Sassi e via Maldenti con le loro caratteristiche selciature in ciotoli. Le iscrizioni dei partecipanti (offerta libera) ha consentito di raccogliere 2.000 euro, ricavato che sarà devoluto ai progetti di ricostruzione e di sostegno alle popolazioni colpite dal terremoto del centro Italia promossi dal Distretto Lions 108/A. Il Lions Club Forlì Host già nelle settimane scorse aveva destinato alla stessa finalità altri 9.500 euro. Alla riuscita dell’appuntamento hanno concorso anche alcune aziende locali fornendo propri prodotti: Ornella Confezioni Meldola, Sport Service Forlimpopoli, Deco Industrie di Ravenna, Gimelli Sport, l’Antica Cascina, Punto Fit, queste ultime tre di Forlì. Contemporaneamente alla camminata si è tenuta l’annunciata raccolta di occhiali usati (oltre 50 quelli consegnati), un service del Lions International che presuppone il ricondizionamento degli occhiali raccolti e il loro riutilizzo in alcuni paesi dove il problema della vista e della cecità è molto sentito. Particolarmente soddisfatti gli organizzatori dell’iniziativa con in testa Nicola Mangione, Gabriele Zelli e Cinzia Brunelli, rispettivamente presidente, vice presidente e past president del Lions Club Forlì Host, e Raoul Mosconi, assessore del Comune di Forlì, che hanno dato appuntamento al giorno di Santo Stefano del prossimo anno per la terza edizione della manifestazione.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAi Romiti i trofei “Metallurgica Branchetti” e “Inkloud”
Articolo successivoIl derby è di Imola per Forlì sono guai
Ex sindaco di Dovadola, classe 1953, dal 1978 al 1985 dipendente del Comune di Dovadola. Come volontario in ambito culturale è stato dal 1979 al 1985 responsabile della programmazione del Cinema Saffi e dell'Arena Eliseo di Forlì e dal 1981 al 1985. Coordinatore del Centro Cinema e Fotografia del Comune di Forlì. Nel giugno 1985 eletto Consigliere comunale e nell'ottobre 1985 nominato Assessore comunale di Forlì con deleghe alla cultura e allo sport. Da quell'anno ha ricoperto per 24 anni consecutivi il ruolo di amministratore dello stesso Comune assolvendo per tre mandati le funzioni di Assessore e per due a quella di Presidente del Consiglio comunale. Dirigente e socio di associazioni culturali, sociali e sportive presenti in città e nel comprensorio. Promotore di iniziative a scopo benefico. E' impegnato a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico di Forlì e della Romagna. A tale scopo dal 1995 ha organizzato una media di oltre 80 appuntamenti annuali, promuovendo anche interventi di recupero del patrimonio architettonico di alcuni edifici importanti o delle loro parti di pregio. Autore di saggi e volumi, collabora con settimanali, riviste locali e romagnole. Dirigente dal 1998 di Legacoop di Forlì-Cesena in qualità di Responsabile del Settore Servizi. Nel 1997 è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.