Imola Basket

Sotto l’albero Forlì trova un derby di importanza capitale: nel giorno dedicato al primo martire cristiano andrà in scena al Palafiera una partita che potrebbe essere quella più importante della giovane storia del nuovo corso del basket forlivese. Imola ha cambiato molto rispetto alla passata stagione, coach Giampiero Ticchi però può sempre contare sull’esperienza di uomini cardine confermatissimi per raggiungere una salvezza tranquilla. Con Anderson, partito per altri lidi, il neo acquisto Travis Cohn III che giocherà in regia rappresenta sicuramente la principale bocca da fuoco degli ospiti. La scorsa settimana però non sono bastati ai suoi compagni i 25 punti messi a referto per avere ragione, tra le mura amiche, di Piacenza. Giocatore rapidissimo, dotato di ottimo tiro, la sua caratteristica principale è l’agilità grazie alla quale spesso si sottrae alle cure del suo difensore. In posizione di guardia giocherà con tutta probabilità Alex Ranuzzi vecchia conoscenza del basket forlivese targato FulgorLibertas. Dopo l’esperienza a Siena, Alex torna in Emilia Romagna; il surfista ama i climi caldi delle partite che oltre ai punti mettono in palio qualcosa di diverso e trae nuova energia che trasferisce in campo da queste. All’occorrenza è in grado di fornire ottime prestazioni balistiche anche se la sua caratteristica principale è quella di farsi notare nella metà campo difensiva. Domenica per esempio ha portato alla causa biancorossa anche 11 punti, malgrado questa buona prestazione però, la sua squadra ha perso. Il primo dei confermati dell’anno scorso alla corte di Foschi, anche per il D.S. imolese sarà un derby speciale, è Norman Hassan che può ricoprire sia lo spot di ala piccola che quello di guardia. Ranuzzi e Hassan possono alternarsi senza abbassare il livello delle proprie prestazioni in ambedue questi ruoli. il mulatto è più attaccante rispetto al compagno di squadra, ma come lui predilige il gioco difensivo e si mette più volentieri a disposizione dei compagni piuttosto che ergersi a protagonista singolo della partita. Sotto le plance del quintetto base imolese troveranno posto il totem Michele Maggioli che non ha bisogno di presentazioni, mani educatissime e minaccia costante per le difese avversarie, al secondo anno in biancorosso dopo essere stato per lungo tempo colonna portante dell’Aurora basket Jesi e il ceco già visto in Italia con le maglie di Rieti e Matera, Jiří Hubálek, lungo nel giro della nazionale del suo paese fin dai tempi dell’under 20, 2 metri e 08 di potenza e prestanza fisica, buon rimbalzista e discreto interprete anche della fase offensiva. Dalla panchina di Ticchi escono Jacopo Borra, il suo omonimo Preti che vanno ad infoltire il reparto lunghi, l’esterno Andrea Tassinari che nelle rotazioni e nell’utilizzo del suo allenatore ha preso il posto di Sabatini partito per Ravenna. Preti alla seconda stagione in biancorosso mentre Borra è alla prima esperienza sul Santerno dopo aver vestito molte canotte nella seconda serie del basket italiano. Il nativo di Torino quando entra non fa abbassare il livello della fisicità che la sua squadra può opporre agli avversari sotto canestro, sfrutta i suoi centimetri per andare bene a rimbalzo e per difendere il ferro biancorosso, in attacco però spesso non è molto produttivo. Preti viene utilizzato col contagocce dal proprio allenatore e molte volte per dare respiro ai titolari. La partita di lunedì sarà trasmessa in diretta su Sky sport 2, auspichiamo però, vista l’importanza dell’incontro, un Palafiera gremito in ogni ordine di posti che possa sospingere i padroni di casa verso una vittoria fondamentale per il prosieguo della stagione.

CONDIVIDI
Articolo precedenteNatale in Pediatria del Forlì Calcio
Articolo successivo“Zoc 'd Nadêl 2016/2017”
Diplomato al liceo Fulcieri Paolucci de Calboli di Forlì, nel lontano 1997, intraprende gli studi di Scienze dell'Informazione di Cesena in cui consegue la Laurea nel marzo del 2002. Dopo varie esperienze lavorative nel ramo dell'informatica presta la sua opera come programmatore all'interno del servizio informatico dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l. La sua vita senza la musica, lo sport e la ginnastica sarebbe stata monotona ma... Dicono di lui: "Chiedetelo agli altri...". Dice di lui: "Ciò che non ti uccide ti fortifica... Tutte cazzate"!