«Dopo lo stop della Regione alla pretesa del Consorzio di Bonifica di tagliare a raso 1300 alberi del Rio Bolzanino, un’acqua pubblica, adesso l’antidemocratico ente inutile di cui si auspica la soppressione pretende di occuparsi delle alberature stradali. Infatti alberature stradali sono i pioppi posti all’inizio di via Bolzanino, a margine della strada e protetti da un guardrail. Di loro e della loro stabilità si occupa il Comune, che fra l’altro è l’ente proprietario. Il Comune fa la verifica della stabilità di tutti gli alberi pubblici e indica quelli che sono solidi e stabili e quelli che hanno invece problemi come è attestato dal documento pubblicato nel sito del verde del Comune stesso. Ebbene le verifiche di stabilità compiute indicano, come si può vedere appunto nel sito del Comune, che tutti quei pioppi che sono all’inizio di via Bolzanino sono indicati come alberi senza alcun problema di stabilità. Si veda Guarda la mappa degli alberi di Forlì…
Evidentemente dall’ultima verifica le condizioni della pianta che si è inclinata e poi è caduta possono essere mutate, come pure le condizioni climatiche e i forti venti possono averne causato la caduta, ma questo è un problema che non compete a quell’ente inutile che, ripetiamo, andrebbe soppresso. Invitiamo il Comune a rinnovare la verifica della stabilità del proprio patrimonio arboreo, invitandolo anche a non affidarsi agli ‘esperti’ di prima perché, come si evince da troppe vicende che riguardano gli alberi, non paiono aver dato i risultati che, dato il lauto compenso, ci si sarebbe aspettati. Infine invitiamo caldamente il Consorzio ad astenersi da qualsiasi intervento in materia di alberi sia perché non ne ha la competenza sia perché ci sono in Comune già abbastanza Attila con la sega e non ce n’è bisogno di altri.
Il Consorzio si preoccupi invece di evitare che la pianura romagnola, come accade con sempre maggiore frequenza, vada sott’acqua per le evidenti carenze della sua azione che costa una enormità di denaro ai cittadini contribuenti».

Federazione dei Verdi Forlì-Cesena