Ex Colonia Novarese

0

La colonia della Federazione Fascista di Novara fu costruita tra il 1933 e il 1934 su progetto dell’ingegner Peverelli. L’edificio è un esempio di colonia elioterapica a monoblocco, costituita da un unico corpo isolato che si sviluppa orizzontalmente, parallelo alla spiaggia. La forma di nave, la posizione di fronte al mare, le soluzioni interne adottate per le scale ne fanno ancora oggi, pur restando nel più completo abbandono e degrado, un edificio avveniristico. Diversi i progetti di riqualificazione che ad oggi purtroppo, risultano tutti falliti. Nel 2003 il Comune di Rimini acquista dalla Regione Emilia Romagna la proprietà dell’ex colonia Novarese per trasferirla successivamente a Riminiterme Spa. Nel 2005, con un bando ad evidenza pubblica Coopsette, cooperativa con sede a Reggio Emilia e attiva nel settore immobiliare, s’aggiudica il 95% del capitale sociale di Riminiterme al prezzo di 9 milioni di euro. Nel maggio 2008 Comune e Provincia di Rimini sottoscrivono il Programma di Riqualificazione e Sviluppo Aziendale delle Terme di Rimini e un Accordo di programma per realizzare il Polo del Benessere e della Salute in località Miramare coinvolgendo diversi operatori economici locali. L’accordo prevede il recupero e l’adeguamento funzionale della colonia Novarese con servizio terme, ambulatori, ristorante e 80 tra camere e suite per la ricettività alberghiera e una struttura con servizi termali e 545 nuovi posti auto. Ma il progetto de “Il Polo del Benessere” dopo un iniziale partenza dei lavori è stato abbandonato. Cliccare sull’immagine per vedere il videoservizio.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIn centinaia dalla Romagna in piazza del Popolo a Roma
Articolo successivoHalloween in Romagna
Nato a Rimini nel 1970, giornalista investigativo si occupa soprattutto di Ambiente, Sicurezza Lavoro, Balneazione, Archeologia industriale. Ha lavorato 4 anni a La Voce di Romagna ed alcuni mesi al Corriere Romagna. Da 5 anni è freelance. Archivia tutti i video servizi sulla pagina pubblica Youtube “LaVoceRomagnola”.