Vincitore Pivi 2016

0

I giornalisti musicali hanno scelto i migliori videoclip indipendenti italiani del 2016. Per la prima volta in assoluto il Pivi (Premio Italiano Videoclip Indipendente) è stato assegnato direttamente dai giornalisti musicali italiani che si sono accreditati per la nuova edizione del Meeting degli Indipendente. 70 testate rappresentate da altrettanti giornalisti specializzati hanno decretato il vincitore del PIVI 2016.

Questa la classifica finale:

  1. Calcutta – “Cosa Mi Manchi a Fare (Bombadischi)
    Regia di Francesco Lettieri
    Fotografia: Gianluca Palma
    Montaggio: Valeria Sapienza
    Aiuto regia: Francesco Coppola
  2. Iocampo – “Pittore Elementare(Urtovox/The Prisoner Records)
    Regia di Manuela Di Pisa
    Coreografie di Gaetano La Mantia
  3. Afterhours – “Non Voglio Ritrovare Il Tuo Nome(Germi)
    Regia di Giacomo Triglia
    Fotografia: Antonio Scappatura
    Montaggio: Giacomo Triglia
    Aiuto regia: Mirella Nania e Giuseppe Colonese
  4. Levante – “Finché Morte Non Ci Separi(Carosello Records)
    Regia di Romana Meggiolaro
    Fotografia: Lorenzo Casadio
  5. Peppe Voltarelli – “Qui Si Campa D’Aria(Squilibri Editore)
    Regia di Giacomo Triglia
    Aiuto regia: Mirella Nania

La vittoria di Calcutta conferma la sua super annata fatta di concerti soldout e migliaia di copie di “Mainstream” vendute. Il musicista dell’anno, le cui canzoni sono amate da una platea trasversale, è la dimostrazione che a volte la quantità (oltre 2.500.000 views) può andare a passeggio con la qualità (e il numero di haters sempre maggiore).
“Cosa Mi Manchi a Fare” è anche l’ennesima gemma di Francesco Lettieri, regista da sempre presente e superpremiato al PIVI e dietro alla macchina da presa per Giovanni Truppi, Motta, Emis Killa, Nada, Xenia Rubinos, Luminal e Francesco di Bella. Ritroviamo anche Manuela Di Pisa, regista della clip di Iocampo “Pittore Elementare” che lo scorso anno ha vinto il PIVI/Meid In Italy con il video di Dimartino “Come Una Guerra La Primavera”. L’ottimo Giacomo Triglia è nella cinquina con ben due opere: Afterhours e Peppe Voltarelli. Calabrese, classe 1981, ha diretto, tra gli altri, Irene Grandi, Francesca Michielin, Brunori SAS, Marina Rei e Zero Assoluto. Anche lui è stato spesso tra i finalisti delle precedenti edizioni del Premio. Per Romana Meggiolaro si tratta, invece, di un ‘inspiegabile’ debutto al PIVI; regista dal lungo e corposo curriculum (Ligabue, Elisa, Bugo, Max Pezzali, Niccolò Fabi) non è mai entrata nelle classifiche finali del Premio. Lo fa quest’anno con la bellissima regia di “Finché Morte Non Ci Separi” di Levante. La premiazione ufficiale del PIVI si terrà sabato sera 24 settembre presso il Teatro Masini  a Faenza. Saranno presenti artisti, registi e i giornalisti che hanno fatto parte della giuria.

Domenica 25 settembre presso il Cinema Sarti a Faenza ci saranno solo le proiezioni dei video finalisti e lo speciale Rotte Indipendenti.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCento Pizze
Articolo successivoMarco Catapano con 'Far Away' racconta la sua musica
Rosetta Savelli coltiva da sempre l'amore per la musica, la letteratura e l'arte. Ha pubblicato 4 libri: un racconto, una raccolta di poesie e due romanzi. Ha partecipato a numerosi concorsi letterari ottenendo riconoscimenti e pubblicazioni. Il suo romanzo "La Primavera di Giulia" è stato pubblicato dal Ponte Vecchio in Cesena nel 2006. Il racconto "Iris e Dintorni" e la raccolta di poesie "Le Magie che mi soffiano lontano" sono stati pubblicati nel 2002 dalla Firenze Libri e sono stati presentati alla 55° Fiera del Libro di Francoforte nel 2003. Nel 2009 ha partecipato al Premio Letterario Firenze per le Culture di Pace, dedicato a Tiziano Terzani ed è stata inserita nel volume antologico "Racconti per la Pace" con il racconto "Il Mondo nella piazza davanti a casa mia". Nel 2014 ha partecipato al Concorso Big Jump con il suo ultimo romanzo pubblicato in Amazon “Celeste (Da qui a Hollywood la strada è breve)” risultando 15° fra 220 concorrenti. Nel mese di ottobre 2015 Rosetta Savelli ha vinto il III° Premio alla V° Edizione del Premio Kafka Italia 2015 in Gorizia, presso Kulturni C Lojze Bratuž, con il Racconto “Iris e Dintorni” edito nel 2003 dalla Firenze Libri. Nel mese di aprile 2017 Rosetta Savelli insieme all'artista Daniele Miglietta ha vinto il Premio della Critica in occasione della I°Edizione del Concorso online “Poesia a Colori”. Rosetta Savelli ha partecipato con la poesia “Se sei donna ti diranno che ti manca” abbinata all'opera pittorica di Daniele Miglietta “Sleeping on flowers”. Collabora con la rivista di arte contemporanea "Juliet art magazine" con sede a Muggia (Trieste) e diretta da Roberto Vidali. Collaborazione nata nell'anno 2014 e tutt'ora in atto.