in cucina

Alla Fondazione Opera Don Pippo di via Cerchia 101 a Forlì ci sarà la possibilità di partecipare al corso di cucina “Prendiamoci per i fornelli!” rivolto a persone, con e senza, disabilità ma con grande motivazione a crescere e vivere nuove esperienze culinarie, in un contesto che valorizza le capacità di ognuno spingendolo verso la più ampia autonomia possibile. 
Il cuoco professionista Gabriele Faggi, in stretta collaborazione con educatori qualificati e volontari, insegnerà come muoversi in cucina in tutte le fasi della preparazione, a partire da ricette molto semplici fino a preparazioni che necessitano di una buona manualità e tempo per la realizzazione.
Uno degli scopi del progetto e quello di lavorare sulle proprie autonomie in uno spazio fatto di collaborazione e rispetto degli altri, il saper stare insieme condividendo luoghi, materiali ma sopratutto intenti e motivazione. In oltre per chi vorrà, ci sarà la possibilità di vivere una piccola esperienza di stage nella cucina dell’Opera Don Pippo, tutto questo per far crescere la consapevolezza nei propri mezzi e l’autostima necessaria attraverso la messa alla prova e la gratificazione per il raggiungimento dei propri obiettivi. Ogni primo lunedì del mese saranno proposte ricette vegane e vegetariane in un ottica di salute che passa dal cibo. Per info Marco o Benedetta al 0543/60051. Il corso inizierà il 17 ottobre dalle ore 15,30 alle 17,30.

CONDIVIDI
Articolo precedentePranzo solidale al parco urbano, raccolti 13mila € per beneficenza
Articolo successivoIl Consiglio di Stato fa riaprire l'ufficio postale di Voltre
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).