Forlì Calcio

Forlì – Pordenone: 0 – 2

Seconda partita di campionato e seconda sconfitta del Forlì. Dopo l’esordio negativo a Venezia i Galletti cadono al Morgagni di fronte ad un cinico e quadrato Pordenone. Nel primo tempo il Forlì ha cercato di rendersi pericoloso in diverse occasioni, mettendo in difficoltà i friulani, ma i biancorossi però – con la casella immacolata nella riga delle reti realizzate in 4 partite ufficiali – non riescono a trovare il gol e nella ripresa subiscono prima il vantaggio degli avversari nella loro prima vera occasione con Rachid Arma e poco dopo il raddoppio grazie ad una spizzata di Berrettoni. Cronaca. Prima occasione ospite al 13′ con Cattaneo che riceve in area e colpisce al volo, ma Turrin si fa trovare pronto. Risposta del Forlì con Spinosa che non arriva su un buon cross dalla destra. Al 20′ Bardelloni colpisce di testa su cross di Adobati, ma la sfera va in corner. Forlì più volitivo: Ferretti serve Ponsat che calcia in porta, ma il tiro viene bloccato. Bello scambio Adobati-Tonelli, cross pericoloso di quest’ultimo, ma nessun compagno ne approfitta. Al 33′ dribbling di Spinosa sulla sinistra dell’area, che poi va al tiro senza risultati. I friulani provano a rispondere con una sponda di Arma, che serve Buratto che dal limite prova la conclusione parata dall’estremo biancorosso. Pericolosissimo tiro da fuori di Tonelli, il portiere la devia sopra la traversa. Bello scambio Tonelli-Spinosa, il tiro al volo del 10 va alto. Secondo tempo. Al 46′ entra Azzi al posto di Buratto. Al 60′ l’azione che sblocca la gara con il Pordenone che passa in vantaggio: segna Arma su assist di Azzi. Al minuto 66 tacco di Spinosa al limite dell’area, tiro di Bardelloni parato poi cross di Cattaneo dalla sinistra, spunta Berrettoni che di testa raddoppia. Esce Ferretti per Parigi e Ponsat per Capellini; Berrettoni con Gerbaudo. Al 77′ Parigi fa la sponda per Bardelloni ma il tentativo da buona posizione va alto. Finisce qui, con il Pordenone che meritatamente si porta via i 3 punti.
Nel primo tempo abbiamo fatto una buona partita, soffrendo pochissimo – ha detto a fine match il mister Massimo Gadda – Siamo andati molte volte al tiro senza essere però pericolosi. Anche nella ripresa abbiamo messo 10 palloni in area ma siamo stati troppo morbidi”. Nel secondo tempo il Pordenone ha messo in difficoltà il Forlì per qualche minuto, riuscendo a trovare il gol: “Loro hanno cambiato modulo e ci hanno messo in difficoltà. Ci sta nel corso di una partita, dovevamo cercare di passare questi minuti indenni, invece abbiamo preso i due gol. Il primo è stato una mazzata. Mi dispiace perché è arrivato da una palla persa a centrocampo. Non dobbiamo spaventarci, la strada è lunga. Prendiamo il buono della prestazione, è chiaro che dobbiamo migliorare”.
Il Forlì ha finora affrontato due squadre che probabilmente occuperanno le posizioni di vertice: “Il nostro sarà un campionato di grande sofferenza. Abbiamo lottato contro due delle squadre che si giocheranno la promozione. C’è da soffrire, da lottare, ma credo che la squadra ha dimostrato di potersela giocare con tutti”.
Si è poi presentato per i commenti il capitano, Stefano Capellupo: “È andata come non ci aspettavamo. Il rammarico è forte. Nel primo tempo abbiamo giocato con personalità e creato tante palle gol. Il calo ci poteva stare, dovevamo resistere quel quarto d’ora”. I Galletti non si fanno però abbattere e si mostrano determinati: “Siamo giovani e non perderemo entusiasmo. Siamo tutti arrabbiati perché abbiamo perso una gara che non meritavamo di perdere, quindi da lunedì ci rimettiamo al lavoro”.

Forlì (4-3-3) Turrin; Adobati, Cammaroto, Conson, Franchetti; Ferretti (dal 67’ Parigi), Capellupo, Spinosa; Tonelli, Bardelloni, Ponsat (dal 67’ Capellini). A disp.: Baldassarri, Croci, Baschirotto, Vesi, Tura, Di Rocco, Nisi, Ricci Frabattista, Alimi. All. Gadda.
Pordenone (4-3-3) Tomei; Pellegrini, Stefani, Ingegneri, Semenzato; Buratto (dal 46’ Azzi), Misuraca, Suciu (dal 84’ De Agostini); Cattaneo, Arma, Berrettoni (dal 68’ s.t. Gerbaudo). A disp.: D’Arsiè, Martignano, Parodi, Broh, Raffini, Pietribiasi, De Anna. All. Tedino.
Arbitro: De Santis di Lecce.
Ammoniti Franchetti (F), Gerbaudo (P).
Marcatori: Arma al 15′, Berrettoni al 66’.