A Santa Sofia il Festival della Musica Giovane del Mediterraneo

Sabato 10 settembre il concerto al Teatro Mentore

0

A Santa Sofia, il Teatro Mentore si appresta ad ospitare un grande evento musicale internazionale: sabato 10 settembre, alle ore 21,00, farà tappa nell’alta valle del Bidente il Festival della Musica Giovane del Mediterraneo.
L’iniziativa è legata al progetto organizzato da Ipsia Istituto Pace Sviluppo Innovazione Acli Forlì-Cesena “La musica: un ponte fra i popoli. Scuole di musica per la pace, anno II” ed è sostenuta da Comuni di Forlì e Santa Sofia, dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, da Romagna Acque, dall’Ambasciata d’Italia a Prishtina, dal Ministero della Cultura del Kosovo, da “Emilia Romagna Festival”, dalle Acli Arte e spettacolo, dall’Associazione Musicale Roveroni, dall’Istituto Musicale Masini e da numerosi sponsor privati.

Si tratta di una nuova, importante, opportunità per il nostro paese – dichiara il sindaco Daniele Valbonesi. – Da sempre Santa Sofia ha una forte vocazione musicale, desideriamo sottolinearlo anche in questa occasione e, ancora una volta, crediamo che lavorare in rete con insegnanti e musicisti qualificati sia un punto di forza a vantaggio dell’intero territorio”.
Il Festival della Musica Giovane del Mediterraneo si terrà a Forlì dal 5 all’11 settembre, con circa 30 ragazzi provenienti dalle scuole di musica di Kosovo, Serbia, Albania, Macedonia, Montenegro e Spagna, che si sono incontrati in Kosovo a luglio per conoscersi e studiare, per condividere emozioni e passioni ma anche per abbattere le pericolose barriere che ancora permangono fra le popolazioni dell’area dopo le tragiche guerre degli anni Novanta.

In questa seconda fase del progetto, i giovani musicisti incontreranno i loro coetanei delle scuole di musica di Forlì e Bertinoro, Castrocaro, Imola e Tresigallo, sotto la guida del direttore artistico Igor Buscherini e dei docenti Pier Luigi Di Tella, Federica Bacchi, Giovanni Cacciaguerra, Roberto Fantini, Elena Indellicati, Tito Ciccarese, Stefano Bertozzi, Bardh Jakova, Denis Zardi, Simona Cavuoto, Sebastiano Severi, Mascia Turci e Dolores Delgado.
In particolare, quello organizzato a Santa Sofia grazie all’Associazione Musicale Roveroni sarà un concerto incentrato su Mozart, durante il quale verranno eseguiti la sinfonia Haffner, n. 35 in re maggiore, k 385 e il concerto per pianoforte e orchestra n. 3, k 40; al pianoforte Bimi Milla, giovane promessa pianistica proveniente da Gjakova, in Kosovo.

Ci avviciniamo alla prossima stagione teatrale con una serata dal grande spessore musicale e sociale – conclude l’assessore alla cultura Isabel Guidi. – Siamo onorati di ospitare questo concerto, non solo per la qualità culturale, ma anche per l’importante messaggio di pace e fratellanza che si trasmette attraverso l’unione di ragazzi provenienti da diverse etnie: un invito alla speranza e all’unione, di cui tutti abbiamo bisogno in questo momento”.