Laura Marzadori e Alessandro Serra

Ad Entroterre continuano i grandi concerti in prima assoluta di ClassicoAntico, il percorso dedicato alla musica colta. Martedì 16 agosto alla Pieve di San Donato di Polenta, alle ore 21,30 il secondo concerto del Trittico dei musicisti del teatro alla Scala: “Dal Barocco al Novecento” (Prodizione Entroterre festival).
Il programma eterogeneo, in prima assoluta per Entroterre, pensato per far emergere le qualità solistiche dei musicisti del teatro Alla Scala, può essere visto come un piccolo compendio della musica degli ultimi duecento anni.
Il programma è suddiviso in due parti costruite attraverso un criterio prettamente storico-musicologico. La prima parte dedicata a Bach e alla prima scuola di Vienna (Haydn, Mozart, Beethoven) in rigorosa successione cronologica, la seconda al novecento meno percorso, Kodaly, Cassadò, Ysaye e Piazzolla con un finale a sorpresa, una sonata a quattro, unico brano che vede impegnati tutti i musicisti del concerto, di Gioacchino Rossini, sicuramente una piccola curiosità per chi ha nelle orecchie solo il Rossini operista.
Questa è la seconda di tre serate in cui si esibiscono i musicisti del “Teatro alla Scala”, indiscusso tempio della musica italiana. I quattro musicisti coinvolti si alternano sia in esibizioni solistiche sia in duo, in trio, in quartetto offrendoci diverse ed interessanti combinazioni timbriche.
Laura Marzadori (nella foto a sinistra), la più giovane musicista a ricoprire il ruolo più prestigioso: 1° violino di spalla, già vincitrice dei più importanti. Eugenio Silvestri alla viola, altro giovanissimo componente dell’orchestra milanese. Alessandro Serra (nella foto in basso a destra), altro primo contrabbasso dell’orchestra scaligera, già membro della Mahler Jugendorchester, ma anche con un interessante carriera solistica sfociata nell’incisione per la Minus One di New York delle musiche di Giovanni Bottesini. Giovanni Ricciardi, violoncellista affermatissimo, ha suonato in duo con i grandi nomi della musica tra i quali Ezio Bosso, Giovanni Sollima. Michael Flaksman, Sandro Laffranchini, Felix Ayo, Yuri Gandelsman, Heinz Holliger, Giuseppe Ettorre.