Credito di Romagna

Credito di Romagna comunica che con decreto dell’8 agosto 2016 il Tar del Lazio ha sospeso interinalmente l’efficacia dei provvedimenti contenuti nella nota 28 giugno 2016 della Banca d’Italia contenente “analisi della situazione aziendale e adozione dei provvedimenti e misure conseguenti”, con la quale l’Autorità di Vigilanza richiedeva, tra l’altro, la rimozione degli organi di amministrazione e di controllo, nonché del direttore generale, e imponeva l’affiancamento al CdA di un commissario sino alla convocazione dell’Assemblea per la nomina dei nuovi organi.

Il Tar del Lazio ha altresì fissato per la trattazione collegiale la camera di consiglio del 14 settembre. In considerazione di quanto sopra, il CdA di Credito di Romagna ha provveduto a comunicare il posticipo al 16 settembre dell’assemblea ordinaria, già convocata per oggi 11 agosto, confermando peraltro sin d’ora l’intenzione di ottemperare pienamente al provvedimento di Banca d’Italia e all’ordinanza del Tar del Lazio. La banca prosegue regolarmente la sua attività.