Ugl Forlì

Ringrazio pubblicamente il Movimento 5 stelle di Forlì e i 2000 cittadini che hanno firmato la petizione sicurezza che prevede l’impiego della vigilanza privata nei servizi di controllo diurno e notturno nelle aree a rischio e degradate della città. Ritengo un macroscopico errore che la giunta comunale, il sindaco Drei, e il partito di maggioranza che lo sostiene, il Pd, abbiano bocciato una proposta che comunque forniva delle soluzioni concrete a contrastare il fenomeno dei furti in abitazione ed arginare l’aumento del degrado urbano che innesca malcostume e insicurezza nella cittadinanza“. Queste le parole di Filippo Lo Giudice segretario regionale Emilia-Romagna dell’Ugl Sicurezza civile (il sindacato delle guardie giurate), in seguito alla bocciatura in consiglio comunale della petizione sicurezza del Movimento 5 stelle di Forlì. 

L’ordine del giorno presentato dal Pd che prevede il coordinamento dei vigili urbani con le forze dell’ordine; un miglioramento degli organici della Polizia Municipale dell’Unione; maggiori investimenti in materia di sicurezza e videosorveglianza ed il coinvolgimento dei quartieri non è sufficiente a risolvere il problema che vede Forlì maglia nera in tutta Italia per i furti in abitazione. Il sindaco e la sua giunta si sono dimostrati insensibili alla proposta che anche l’ Ugl Sicurezza civile aveva a suo tempo avanzato al Comune di Forlì, ovvero mettere in campo ogni mezzo – compresa la vigilanza privata – per arginare l’assalto della criminalità“: aggiunge il segretario Filippo Lo Giudice.

Il Pd ha dimostrato di non voler ascoltare la voce di 2000 forlivesi, di non aver fornito risposte a esigenze legittime, e non ci spieghiamo l’atteggiamento di liste civiche che a parole si dicono favorevoli a combattere il crimine e poi nei fatti, e nel voto e nelle dichiarazioni d’aula, dimostrano esattamente il contrario. Così come riteniamo ridicole le affermazioni di alcuni consiglieri comunali del Pd che minimizzano il problema dei furti nelle abitazioni. ‘Forlì non è Caracas’: ha Lodovico Vico Zanetti, si vede che non si è mai confrontato con i forlivesi, i cittadini, le tante famiglie e i tantissimi negozianti o titolari di impresa che si sono visti svaligiare casa o il magazzino più volte nell’arco dello stesso anno, degli stessi mesi, come bene riportano le cronache dei giornali ogni giorno” conclude Filippo Lo Giudice.