La tutela dei diritti fondamentali in Europa: Summer school al CeUB

0

The Protection of Fundamental Rights in Europe”: è il titolo della Summer School che il C.I.R.D.E. (Centro Internazionale Ricerche sul Diritto Europeo, attivo dal 1991 all’Università di Bologna) organizza in collaborazione con la Faculté de Droit dell’Università di Strasburgo, il Centre for European Law del King’s College London ed il Centro Residenziale Universitario di Bertinoro.
Un tema quanto mai importante e delicato soprattutto oggi, con un’Europa sempre più al centro delle cronache per questioni istituzionali, politiche, sociali, umanitarie.
La Summer School si tiene al Centro Universitario di Bertinoro dal 4 all’8 luglio in lingua inglese e francese e si rivolge a studenti, laureati e professionisti, per approfondire la conoscenza dei meccanismi di protezione dei diritti fondamentali a livello europeo. Oggetto del corso sono, infatti, i diritti fondamentali all’interno dell’Unione Europea e la Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo con particolare attenzione, per la presente edizione, al principio di uguaglianza. Tra le tematiche affrontate, anche quelle di asilo e immigrazione, cittadinanza e libertà religiosa.
L’edizione 2016 è realizzata in cooperazione con il progetto FARB (Finanziamenti alla Ricerca di Base, istituito nel 2012 dall’Università di Bologna) “I principi di uguaglianza e non discriminazione nell’Unione europea”, studio che si propone di ricostruire lo status e le implicazioni giuridiche dei principi UE di uguaglianza e non discriminazione. I docenti che compongono questa Unità di ricerca sono Lucia Serena Rossi (coordinatrice e direttrice della Summer School), Marco Balboni, Marco Borraccetti, Federico Casolari e Giacomo Di Federico.
Le lezioni della Summer School si tengono all’interno della Rocca di Bertinoro, sede principale del Ce.U.B., da lunedì a venerdì per un totale di 30 ore, in un percorso intensivo volto a stimolare la partecipazione degli studenti nel dibattito e nell’approfondimento di queste sostanziali quanto complesse tematiche.
L’evento è finanziato dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì.