Mezzacapo: «Sindaco debole, giunta allo sbando, il Pd pensa solo alle poltrone»

0

L’incapacità del sindaco di Forlì Davide Drei, nel saper affrontare i problemi della città è ormai manifesta a tutta la cittadinanza, ma non aver nemmeno il coraggio di rimuovere il vicesindaco Zanetti dall’incarico è un chiaro sintomo di debolezza politica – esordisce il capogruppo della Lega Nord Daniele Mezzacapo –. Nemmeno le recenti vicissitudini che negli due ultimi mesi che hanno interessato la Vicesindaco Zanetti, dallo scandalo parcheggio nello stallo riservato ai disabili, al fallimento del piano di rilancio del centro storico sino al recente esposto in Procura da parte di alcuni consiglieri comunali per la questione verde pubblico, hanno portato il primo cittadino a prendere una decisione netta ed esemplare ma cosa possiamo aspettarci da un sindaco ormai abbandonato anche dal partito che rappresenta?” si domanda Mezzacapo. 

È oramai evidente – continua l’esponente del Carroccio – che all’interno del Partito Democratico sia finita la pazienza e anche le anime più sagge e pazienti incomincino a storcere il naso per la valanga di figuracce rimediate da questa GiuntaGli amministratori forlivesi però non si vergognano e continuano a mal governare la città forse la loro priorità è sedersi sulla poltrona con uno stipendio di quasi 4.000 € mensili piuttosto che progettare il rilancio della città. Ma non è finita qui, perché a quanto già detto, si devono aggiungere i recenti fatti locali riportati dalla cronaca nazionale inerenti i figli del sindaco, colti dalla task force anti-degrado da lui voluta, mentre imbrattavano dei muri di un parco pubblico, oltre alla mala gestione del Palaromiti e del Palacredito“.

Cosa devono ancora tollerare i forlivesi? – si domanda il capogruppo leghista –. La Giunta Drei non risponde ad una interrogazione giacente in Consiglio Comunale sull’aeroporto Ridolfi, non ha mai presentato un piano di sicurezza, un progetto di rilancio e valorizzazione del territorio, un piano atto a fronteggiare la disoccupazione ed agevolare l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. Occorre tornare immediatamente alle urne e cambiare passo. I problemi del partito democratico non possono pesare sui forlivesi, ma soprattutto quest’ultimi non devono pagare la debolezza politica di una Giunta allo sbando“.