otello-buscherini-farneti-augusto

Domenica 29 maggio, dalle ore 10,00 alle 16,00, si svolgerà l’inaugurazione della nuova sede dell’Associazione “Otello Buscherini” in via Caprera 1 a Forlì. Interverrà Carlo Costa e saranno presenti campioni e personalità del mondo motociclistico. L’Associazione Otello Buscherini è nata per iniziativa di Luciano Sansovini (Righetto), con la partecipazione di Arnaldo e Solidea Buscherini, con l’intento di ricordare il campione scomparso.
Nel corso degli anni sono stati pubblicati cinque libri sul motociclismo storico per mantenere viva la memoria di piloti e competizioni di un periodo irripetibile. Nel 2003 è stato pubblicato il libro “Otello Buscherini una vita per la moto”, nel 2006 il volume “La mototemporada Romagnola 1959-1971” che narra la storia dei circuiti cittadini della Riviera romagnola. Nel 2007 è uscito il volume “Mario Preta, un campione in punta di piedi” e più recentemente “Dino Valbonesi, il motociclismo nell’anima”. Ultimo in ordine di uscita il libro che racconta attraverso le immagini i dieci anni di gare di Otello Buscherini. L’Associazione ha poi partecipato a diversi eventi in Italia e all’estero e, da quest’anno, si è stabilita in una nuova e più ampia sede dove sono raccolte testimonianze della vita sportiva di Otello e di altri piloti romagnoli.
Associazione “Otello Buscherini”, via Caprera, 1 (angolo viale Risorgimento), Forlì. Per informazioni: Luciano Sansovini 335 6182418. Il sito internet www.otellobuscherini.it, in costante aggiornamento, è il modo più veloce per conoscere da vicino Otello Buscherini attraverso la sua storia, le fotografie e i pensieri di coloro che l’hanno conosciuto come uomo e come pilota.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAttacco dei Verdi al vicesindaco: "È ora che Drei stacchi la spina all'assessore Zanetti"
Articolo successivoA Forlì in cucina con il 'Sale Dolce'
Marco Viroli, scrittore, copywriter e giornalista pubblicista, è nato a Forlì nel 1961. Laureato in Economia e Commercio, nel suo curriculum vanta una pluriennale esperienza di direzione artistica e organizzazione eventi. Dal 2006 al 2008 ha curato le rassegne “Autori sotto la torre” e “Autori sotto le stelle” e, a cavallo tra il 2009 e il 2010, si è occupato di relazioni esterne per una fondazione di arte contemporanea. Tra il 2010 e il 2014 ha collaborato con “Cervia la spiaggia ama il libro” e con “Forlì nel Cuore”. Autore di numerose prefazioni, dal 2010 cura la rubrica settimanale “mentelocale” su «Diogene», di cui, dal 2013, è direttore responsabile. Nel 2013 e nel 2014, ha seguito come ufficio stampa rispettivamente le campagne elettorali degli attuali sindaci di Dovadola (FC) e Forlì. Dal 2013 collabora con l’agenzia di comunicazione integrata PubliOne, inoltre tra il 2014 e il 2016 è stato addetto stampa della squadra di volley femminile forlivese, che milita nei campionati nazionali di serie A. Nel 2003 ha pubblicato la prima raccolta di versi, Se incontrassi oggi l’amore. Per «Il Ponte Vecchio» ha dato alle stampe Il mio amore è un’isola (2004) e Nessun motivo per essere felice (2007). Suoi versi sono apparsi su numerose antologie, tra cui quelle dedicate ai Poeti romagnoli di oggi e… («Il Ponte Vecchio», 2005, 2007, 2009, 2011), Sguardi dall’India (Almanacco, 2005) e Senza Fiato e Senza Fiato 2 (Fara, 2008 e 2010). I suoi libri di maggior successo sono i saggi storici pubblicati con «Il Ponte Vecchio»: Caterina Sforza. Leonessa di Romagna (2008), Signore di Romagna. Le altre leonesse (2010), I Bentivoglio. Signori di Bologna (2011), La Rocca di Ravaldino in Forlì (2012). Nel 2012 è iniziato il sodalizio con Gabriele Zelli con il quale ha pubblicato: Forlì. Guida alla città (Diogene Books, 2012), Personaggi di Forlì. Uomini e donne tra Otto e Novecento («Il Ponte Vecchio», 2013), Terra del Sole. Guida alla città fortezza medicea (Diogene Books, 2014), I giorni che sconvolsero Forlì («Il Ponte Vecchio», 2014), Personaggi di Forlì II. Uomini e donne tra Otto e Novecento («Il Ponte Vecchio», 2015). Nel 2014, insieme agli storici Sergio Spada e Mario Proli, ha pubblicato per «Il Ponte Vecchio» il volume Storia di Forlì. Dalla Preistoria all’anno Duemila.