federica-guidi

Credo che Federica Guidi sia stata sincera, quando ha detto che le sue relazioni pericolose erano tenute “in buona fede”. E non perché la Guidi sia un’ingenua: piuttosto, per la persuasione che il governo debba essere il luogo naturale della mediazione d’interessi forti, dunque “legittimi”. Se la sua visione della società è neo-corporativa, quale meraviglia se informazioni delicate vengono passate in tempo reale agli attori/protagonisti dello “sviluppo economico”, “legittimi” in quanto forti e privati? È chiaro che questa impostazione non ha nulla a che fare con la democrazia rappresentativa come frutto di interessi – generali e particolari – compatibili con un’idea di Paese passata al vaglio della pubblica opinione. Ma forse è proprio su questi diversi punti di vista che dovremmo interrogarci, per uscire dal gossip e comprendere la natura strutturale della trasformazione in atto.

CONDIVIDI
Articolo precedente'The Black Blues Brothers' al San Giacomo
Articolo successivoFinanziati interventi di edilizia scolastica al Centro studi S. Allende
Roberto Balzani, nato a Forlì il 21 agosto 1961, è uno storico, saggista e politico italiano. È professore ordinario di storia contemporanea alla Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali, Università degli Studi di Bologna. È stato sindaco di Forlì, dal 2009 al 2014 è professore ordinario di Storia contemporanea alla Facoltà di Conservazione dei beni culturali dell'Università di Bologna (sede di Ravenna), della quale è stato preside fra il 2008 e il 2009. Ricercatore in Storia contemporanea alla Facoltà di Scienze Politiche “Cesare Alfieri” di Firenze dal 1992, è divenuto poi professore associato alla Facoltà di Conservazione dei beni culturali dell’Università di Bologna e quindi professore ordinario. Fra i suoi interessi più recenti, la storia del regionalismo e del patrimonio culturale, cui ha dedicato diversi saggi, collaborando alle iniziative promosse alla Scuola Normale Superiore di Pisa da Salvatore Settis. Fra il 1992 e il 1996 ha fatto parte del consiglio d’amministrazione della Fondazione “Spadolini – Nuova Antologia” di Firenze. E’ stato a lungo componente del consiglio direttivo della Società di Studi Romagnoli, dell’Istituzione Biblioteca Malatestiana di Cesena e dell’Ibc Emilia-Romagna. Fra le principali pubblicazioni da menzionare la ricostruzione del regionalismo culturale romagnolo fra ‘800 e ‘900 (La Romagna, Bologna, 2001, ristampata con un nuovo capitolo nel 2012); inoltre, la sintesi Storia del mondo contemporaneo, Milano, 2003 (con Alberto De Bernardi), la ricerca di storia dei beni culturali Per le antichità e le belle arti. La legge n. 364 del 20 giugno 1909 e l’Italia giolittiana (Bologna, 2003) e la cura dei Discorsi parlamentari di Carducci (Bologna, 2004). Con Angelo Varni è curatore de La Romagna nel Risorgimento (Roma-Bari, 2012). Alla sua esperienza di amministratore è dedicato il pamphlet: "Cinque anni di solitudine. Memorie inutili di un sindaco" (Bologna, 2012). E’ autore di diversi manuali di storia per le Scuole medie e i Licei.