Amber Parrish Softball Forlì

Dopo aver osservato il proprio turno di riposo (consueti inconvenienti dell’ennesima stagione a squadre dispari), il Softball Forlì si rituffa nel campionato, e sfoglia la margherita delle novità. E’ stato scelto di rinforzare la squadra: venerdì è arrivato un catcher straniero, la statunitense Amber Parrish, proveniente dalla North Carolina University. Durante la sosta, infatti, la dirigenza e lo staff tecnico hanno valutato la situazione dell’organico, e concordato su un punto delicato: le giocatrici a disposizione del coach Calisto Soça sono appena nove, letteralmente il minimo “sindacale”, e, stanti i problemi fisici che attualmente penalizzano alcune atlete, c’è il rischio neanche tanto campato in aria di perdere partite a tavolino per non riuscire a mandare sul diamante una squadra completa. La società ha quindi accelerato i contatti con alcune atlete d’oltreoceano il cui arrivo era, più che previsto, ipotetico.
I problemi di bilancio restano, il main sponsor continua a mancare, e una straniera nel roster significa prima di tutto altri sacrifici. E’ un sacrificio di quelli che si definiscono obbligati: per la competitività, ma soprattutto per la completezza della squadra. La ricerca di un sostegno e della tranquillità economica resta la priorità, ma neppure si poteva rischiare di non onorare il proprio impegno nel campionato di softball rischiando anche delle sanzioni.
E così, a Zauli e compagne va ad unirsi Amber Parrish, 24 anni, che al college ha indossato la leggendaria divisa color “Carolina blue” dei Tar Heels (dice niente il nome Michael Jordan?).
Oltre che ricevitore, Amber Parrish può coprire anche un ruolo interno (ha un buon “guanto”, può star bene in Prima base e Terza base); batte e tira di destro, ed è un vero battitore di potenza. Eloquente il biglietto da visita dell’ultima stagione: 18 fuoricampo e 53 punti battuti a casa, con poche eliminazioni al piatto e numerose basi ball e “colpiti”, che ne suggeriscono la stoffa da attaccante temuto e paziente. Non a caso è stata poi selezionata per il campionato Pro Usa, anche se poi non ha trovato posto in nessuna squadra.
Suo coach è stata la altrettanto mitica Donna Papa (trentesimo anno al timone di North Carolina), che la raccomanda con passione: “Amber Parrish ha un braccio forte, velocissimo, oltre a essere dotata di ottime qualità nel chiamare e ricevere i lanci; in più è un battitore di straordinaria potenza. Una giocatrice di grande personalità, competitiva, che si impegna al massimo in ogni occasione”. Viene naturale il parallelo con Natalie Anter, formidabile ricevitore italoamericano proveniente anch’essa da North Carolina, che nelle stagioni 2002-2004 ha giocato per Forlì e per la Nazionale (Giochi Olimpici di Atene).
Tornando al campionato, mentre Forlì restava al palo le altre hanno disputato la seconda giornata. Il Bussolengo campione d’Italia, dopo quello del “Buscherini”, si vede costretto ad un altro pareggio, questa volta per opera delle Blue Girls Bologna. Pari anche tra Collecchio e la matricola Castelfranco, che così centra il primo successo della stagione. Fa doppietta la Sestese, che regola agli extra inning lo Staranzano e si issa in testa alla classifica a braccetto con le felsinee, record di tre vittorie ed una sconfitta. E sarà proprio Bologna ad ospitare Forlì nel turno imminente di ISL. Spiccano tra le avversarie l’azzurra Priscilla Brandi, proveniente dal Bussolengo, e la lanciatrice cubana Yumey Minoso, che al suo primo anno in Italia ha esordito con due vittorie e messo in mostra buone qualità; in maglia Blue Girls da non dimenticare Eva Trevisan, l’ex di turno.
Il match è posticipato alla domenica perché il diamante delle emiliane (che giocano a Pianoro) è privo di impianto di illuminazione. Gara inizia alle ore 13,30, la seconda come sempre a seguire.
Le altre gare del girone vedono le campionesse d’Italia del Bussolengo in trasferta contro il Collecchio e lo Staranzano al debutto casalingo contro la neopromossa Thunders di Castelfranco Veneto.
Nel girone A le due capoliste la Loggia e Bollate affronteranno rispettivamente le torinesi il Saronno ed il Bollate andrà a fare visita al Legnano, nell’ultimo match della giornata Caronno riceve la visita l’Old Parma.