convegno teaching hub campus

Questa mattina si è tenuta una interessante conferenza intitolata “Diritti umani: Riconoscimento e tutele. Esperienze a confronto”, al Teaching Hub del Campus di Forlì. Introdotta da Felix San Vicente, coordinatore del Consiglio del Campus di Forlì, università di Bologna, e coordinata da Raoul Mosconi, assessore alle politiche sociali, d’integrazione sociale, pace e diritti umani, cooperazione allo sviluppo, legalità. In apertura Paolo Ragazzini, presidente del Consiglio Comunale di Forlì. Ospiti con webconference con Antenna Locale Afapredesa in diretta dai campi di rifugiati saharawi: Filippo Turchini e Abdslam.
La conferenza è stata suddivisa per tematiche in base agli ospiti: “La Commissione per i Rifugiati di Forlì, dall’ascolto della persona al riconoscimento di rifugiato “è stata trattata da Antonio Massa, vice Prefetto della Provincia di Forlì-Cesena; “Il ruolo della cooperazione e della cooperazione decentrata per la tutela dei diritti umani: il caso del Sahara occidentale” è stata argomentata da Giulia Olmi, CISP ong; “La tutela dei rifugiati nei campi: l’esperienza di un sito web per la protezione dei diritti umani” è stata trattata da Marco Balboni e Carmelo Dionisi, professori ordinari di diritto internazionale uUniversità di Bologna; “La comunicazione nella trattazione dei casi: l’importanza della comprensione linguistica e il ruolo del mediatore linguistico interculturale” di Mariachiara Russo docente dell’università di Bologna DIT Forlì, infine l’intervento in inglese di Barbara Moser Mercer direttamente da Ginevra per il tema “The multiple challenges of humanitarian interpreting”.
Il tema principale riguardava il popolo del Saharawi, con gli appositi riferimenti ai documenti giuridici articolo 10 comma 3 Cost. it, Trattato di Amsterdam per quanto riguarda lo status di Rifugiato e al Trattato di Lisbona 2007.
Nonostante gli obblighi internazionali che gravano sul Marocco in virtù della sua appartenenza ai principali trattati in materia di diritti umani, sono emersi molteplici casi di maltrattamenti e torture, arresti arbitrari e sparizioni forzate.
Grazie al lavoro di interpretazione svolto dagli studenti della Dit Università di Bologna, Campus di Forlì, il pubblico, italiano e non, poteva ascoltare in diretta tramite auricolari e cuffie la traduzione della lingua francese e inglese.
Abdaslam- traduzione dal francese – “Noi in Sahara occidentale chiediamo che la Comunità Internazionale deve occuparsi della questione sui rifugiati, della violazione dei diritti umani e della pace per il Saharawi. E verrà il giorno in cui il Marocco non potrà più sfruttare le risorse umane”.
Per eventuali approfondimenti si possono consultare i documenti online sul sito www.HRsaharawi.com, disponibili anche in francese e in arabo.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa mozione dei Consiglieri: "Annullate quel bando sul Verde Pubblico"
Articolo successivoAlla pari
Sono nata nel 1992 e vivo da sempre a Forlì. Dopo una laurea triennale in Scienze Internazionali Diplomatiche, in ottobre 2016 conseguo la laurea magistrale in Mass Media e Politica presso la Facoltà di Scienze Politiche “R. Ruffilli” di Forlì. Poi la passione per la comunicazione mass mediale mi ha portato a studiare la Lingua dei Segni per i sordomuti presso la Facoltà di Interpreti e Traduttori di Forlì, con il secondo livello a giugno 2017, e nel frattempo ho condotto un programma radiofonico sui Borghi più belli di Romagna. Il mio peggior difetto? (Ormai, ahimè, reso pubblico) Debbo uscire sempre con carta e penna per prendere nota di tutto ciò che trovo interessante!