Il nome di Pellegrino Artusi ha una risonanza sempre più internazionale attirando cuochi, gastronomi e semplici appassionati e amanti di cucina provenienti da ogni angolo d’Europa e del mondo. L’ultima a voler conoscere da vicino il progetto Casa Artusi è stata una delegazione tedesca composta dal responsabile del ministero per l’istruzione della Regione Mecklenburg-Vorpommern, professori e allievi degli istituti professionali, e da proprietari di pasticcerie e panifici. L’esperienza all’interno del “museo vivo” della cucina italiana ha lasciato al gruppo teutonico un ricco bagaglio culturale, umano e professionale.
Dopo la visita, organizzata da Uniser Forlì, cooperativa sociale che dal 1998 si occupa di mobilità transnazionale a scopo formativo, la delegazione ha lasciato Forlimpopoli per soggiornare Al Vecchio Convento, l’albergo diffuso di Portico di Romagna.