volley

Omia Anagni – Volley 2002 Forlì: 0 – 3

(18-25, 17-25, 21-25)

Alla vigilia della partenza per la trasferta ad Anagni, Angelo Vercesi aveva dichiarato: “Dopo la sconfitta al tie break di mercoledì scorso, dobbiamo dimostrare di essere professionisti. D’ora in avanti ogni gara sarà per noi come una finale”. È con questo spirito che le Aquile di Forlì sono scese ad Anagni per affrontare il fanalino di coda della classifica di A2. L’ultima contro la prima della classe, la Volley 2002 che da inizio stagione guida il campionato strettamente tallonata dalla Volley Soverato, seconda potenza e prossima avversaria delle Aquile, il 20 marzo prossimo, nella finale di coppa Italia a Ravenna.
Nei pochi giorni che sono trascorsi dopo il turno infrasettimanale giocato al PalaRomiti, coach Vercesi e le sue ragazze hanno analizzato a fondo la partita contro Trento, una sconfitta al tie break che potrebbe risultare utile soprattutto per comprendere che non si è invincibili e che per portare a casa il risultato pieno è necessario giocare con grinta, concentrazione e rispetto massimo per le avversarie ognuna delle sette partite (otto se si considera la finale di Coppa Italia) che sono rimaste da qui a fine stagione.

Anche ad Anagni Angelo Vercesi può disporre del roster al completo e, nell’avvio del match, schiera in campo lo starting six titolare con Balboni alla regia, Smirnova opposto, Saccomani e Aguero in attacco, Strobbe e Assirelli centrali, con Ferrara libero.
Dal lato opposto del taraflex rosa William Droghei sceglie di iniziare con Muri al palleggio, Moreno Pino opposto, Barboni e Talamazzi in attacco, Centi e Bertaiola centrali, con Zampedri libero.

Parte forte la Volley 2002 con Smirnova che va a segno due volte (0-3), subito emulata da Aguero (2-6). All’avvio del set i 38 punti di differenza in classifica si fanno sentire. Le Aquile prendono il volo e, grazie a tre palle messe a terra da Assirelli, arrivano al time out con sei lunghezze di vantaggio (6-12). Provano a scuotersi le padrone di casa con Moreno Pino (9-13). Le laziali prendono fiducia e, quando si avvicinano pericolosamente (11-13), Vercesi chiama il discrezionale. La pausa riporta ordine e concentrazione nelle file forlivesi, ora è Strobbe a realizzare tre preziose segnature (11-17). Passato il momento critico le romagnole allungano (11-19). Amministrando l’ampio vantaggio, la Volley 2002 fa sua la prima frazione di gioco (18-25).
Avvio del secondo set equilibrato (5-5), poi le Aquile mettono in scena un primo tentativo di fuga (5-8) arginato da Anagni (7-8) che poco riesce a fare sul secondo scatto in avanti di Forlì che raggiunge il tempo tecnico avanti di 5 punti (7-12). Questa sera i reparti romagnoli funzionano a meraviglia e, alla ripresa del gioco, Aguero trascina avanti le compagne (7-14). Le padrone di casa tentano una riscossa (10-14) ma le padrone di casa controbattono prontamente con Assirelli-Strobbe in serata di grazia che murano e concludono in ogni modo (10-16). Forlì è salita in cattedra e incrementa il vantaggio (14-22). Da registrare a fine set solo un timido tentativo di reazione di Anagni (17-22). Ma è solo un attimo. In breve le Aquile concludono con un netto 17-25.
Nel terzo set coach Vercesi dà spazio a tutte le sue giocatrici, facendo scendere in campo Alessandra Ventura, Sara Ceron, Francesca Bonciani e Alessandra Guasti. Tutte le forlivesi sono molto concentrate e ordinate. La sirena del time out le vede in vantaggio di un punto (11-12). Alla ripresa del gioco sono Smirnova e Aguero, top scorer con 13 punti, a guidare la squadra alla conquista del terzo e decisivo set: 21-25.

La trasferta di Anagni, capitata opportunamente dopo il passo falso casalingo contro Trento, oltre a fruttare tre punti, riporta fiducia e ottimismo in casa Forlì. Ottimismo alimentato anche dalle notizie che giungono dalla Calabria: a Soverato, un combattivo Chieri ha portato la squadra di casa, seconda in classifica, a giocarsi il match al tie break.

Al termine dell’incontro, l’allenatore della Volley 2002, Angelo Vercesi, ha dichiarato: “Questa sera mi è piaciuto l’atteggiamento delle ragazze. Sono state brave, sono professioniste e hanno un preciso obiettivo personale e un obiettivo di squadra per questa stagione. Dopo il passo falso di mercoledì hanno reagito subito. Tutte hanno pestato il campo e tutte hanno giocato bene. Ognuna di loro ha dato un importante contributo alla vittoria di oggi. Ora avremo qualche ora di libertà, fino a martedì pomeriggio quando ci vedremo in palestra per fare un po’ di pesi. Poi mercoledì ricominceremo ad allenarci con la palla in vista della partita di domenica contro Palmi al PalaRomiti”.

Omia Anagni: Centi 6, Moreno Pino 6, De Arcangelis , Barboni 11, Noschese, Bertaiola 3, Muri 1, Talamazzi 10, Zampedri (L), Neri, Maruotti. Non entrate: Liguori. All. William Droghei. Vice Marco Saccucci.
Muri 5, ace 3, battute sbagliate 9, errori ricez. 7, ricez. pos 42%, ricez. perf 28%, errori attacco 9, attacco 33%.

Volley 2002 Forlì: Smirnova 12, Ventura 3, Ceron 1, Balboni, Bonciani, Strobbe 9, Guasti 2, Gibertini (L), Saccomani 3, Ferrara (L), Aguero 12, Assirelli 10. All. Angelo Vercesi. Vice Michele Briganti.
Muri 6, ace 7, battute sbagliate 8, errori ricez. 3, ricez. pos 65%, ricez. perf 53%, errori attacco 5, attacco 43%.

Arbitri: Maurizio Merli e Massimo Rolla.
Durata set: 23’, 24’, 26’; tot. 73’.