È stata la prima azienda produttrice di pneumatici con sede a Taiwan, e da oltre cinquanta anni continua a produrre gomme che uniscono una buona qualità alla convenienza economica per offrire una soluzione in più agli automobilisti.

Nonostante il proverbio, il buon senso ci insegna che non sempre è vero che “chi più spende, meno spende”: sono molteplici gli esempi, infatti, che dimostrano al contrario che chi si può investire con oculatezza, e con buoni risultati, in prodotti che magari dalla loro non avranno nomi altisonanti, ma che possono vantare buona ricerca di progettazione e materiali di qualità. Questa situazione è particolarmente evidente nel campo degli pneumatici, dominato ovviamente dalle grandi marche, che propongono soluzioni eccellenti a prezzi altrettanto elevati, ma dove, soprattutto negli ultimi anni e grazie alla diffusione del commercio online, è possibile anche trovare valide alternative.

Lunga storia. Prendiamo il caso della Nankang, società forse ancora poco nota nonostante abbia alle spalle una esperienza che supera i cinquanta anni di attività: il nucleo principale di questa azienda è stato infatti avviato nel 1959 a Taiwan, ed è attualmente il più “anziano” produttore di pneumatici dell’isola asiatica. In questo mezzo secolo e oltre, Nankang, ha ottenuto molti successi tecnici ed è diventata uno dei punti di riferimento per gli pneumatici ad alte prestazioni, all’insegna del motto “integrità, pragmatismo e innovazione” che contraddistingue i suoi modelli, pensati per lo più per un utilizzo quotidiano dell’autovettura, come si può vedere scorrendo il catalogo degli pneumatici Nankang disponibile su siti specializzati come Euroimport Pneumatici, con una gamma di dimensioni che va dai 13 ai 18 pollici e soluzioni adatte sia all’utilizzo invernale che a quello estivo.

Risultati sufficienti. Forse non saranno prodotti di punta, ma le gomme Nankang si difendono comunque abbastanza bene anche nei test indipendenti che vengono tradizionalmente proposti dalle riviste specializzate del settore automobilistico. Una delle più recenti, ad esempio, è quella realizzata dalla tedesca Offroad, che ha messo alla prova cinque differenti modelli di pneumatici invernali per auto 4×4, verificandone la sicurezza primariamente su neve e ghiaccio, e poi anche su fondo bagnato e asciutto. E così, scopriamo che nel confronto con i rinomati prodotti di Nokian, Micheln, Goodyear e Pirelli, gli pneumatici Nankang Winter Activa SV-55 non hanno sfigurato, raggiungendo una sufficienza piena grazie a valori positivi in risposta alla neve, e soprattutto per gli ottimi riscontri per silenziosità e prezzo basso rispetto ai concorrenti. I tecnici di Offroad hanno però sottolineato che la frenata su ghiaccio e neve è stata meno buona del previsto, invitando dunque gli automobilisti che scelgono la casa taiwanese alla prudenza alla guida.

Soluzioni per la pioggia (e non solo). È invece pensata appositamente per aumentare la sicurezza di guida in caso di pioggia la gomma Nankang AS-2 che, presentata ormai un anno fa, ha riscontrato il parere favorevole degli automobilisti grazie alle sue soluzioni tecniche e di design, come il profilo particolare, le ampie scanalature e la mescola scelta proprio per garantire un maggior effetto drenante e una migliore maneggevolezza generale della vettura, senza dunque compromettere il comfort per chi viaggia in auto. Merito appunto delle innovative scelte studiate dalla casa taiwanese proprio per rispondere al meglio alle sollecitazioni delle condizioni metereologiche europee, complesse e molto variegate: le scanalature centrali sono più ampie del 20 per cento rispetto agli altri modelli, così da permettere di disperdere un maggior volume d’acqua; il design asimmetrico e le piccole nervature hanno poi il compito di aumentare questo effetto drenante e di limitare il rischio di aquaplaning, uno dei principali pericoli quando si incappa in una giornata di pioggia pesante. Sono invece pensati per le city car compatte gli pneumatici Nankang NA-1, che uniscono prestazioni equilibrate sul bagnato a riduzione della rumorosità e bassi consumi, grazie a un design del battistrada che limita la resistenza al rotolamento e, contemporaneamente, garantisce l’aderenza al fondo stradale, anche con pioggia.