Il documentario “E dashurojne me zemer” alla Sala San Luigi

0
Letture: 1257

Lunedì 1 febbraio, alle ore 21,00 alla Sala San Luigi, in via Luigi Nanni 12 a Forlì, per la rassegna “San Luigi Musica” verrà proiettato “E dashurojne me zemer (Perché la amano con tutto il cuore) la nuova produzione di Associazione Sovraesposti.
Il documentario è stato realizzato da Stefania Amanti, Margherita Crociati e Matteo Perini che, durante l’agosto 2014, hanno seguito l’orchestra di musica tradizionale albanese Spartiti per Scutari Orkestra durante il tour che li ha portati ad esibirsi proprio nelle terre d’origine delle loro musiche e del loro direttore artistico, Bardh Jakova.
La banda, composta quasi interamente da musicisti italiani, è partita per la prima volta in tournè attraverso i Balcani, affrontando un lungo viaggio in autobus fino al Kosovo e all’Albania. Meta finale del viaggio è stata Scutari stessa, città di origine di Bardh Jakova, direttore artistico e unico musicista albanese del gruppo. Ogni città e ogni concerto sono stati occasione di incontro e scambio tra le culture di popoli differenti.
Il film si sviluppa tra riprese d’osservazione e interviste, momenti rubati durante il viaggio o durante i concerti, improvvisati in strada e nei locali fino a tarda notte, senza tralasciare le esibizioni presso le istituzioni locali. La pellicola ha un’atmosfera unica in cui momenti seri e riflessivi si alternano a momenti divertenti e festosi, riuscendo così ad emozionare in modo autentico dal primo all’ultimo minuto.
Poco alla volta lo spettatore scopre com’è nata questa orchestra e quale legame profondo ci sia tra la musica balcanica e l’origine romagnola di quasi tutti i componenti del gruppo musicale: la Spartiti per Scutari Orkestra, infatti, prima ancora di essere un progetto artistico-musicale, è un progetto sociale che unisce personalità e attitudini differenti accumunate dall’amore per la conservazione e la promozione del patrimonio culturale della musica tradizionale e popolare. Non a caso questa tournè è stata supportata dall’Ong Ipsia Forlì-Cesena, Kosovo e Albania, all’interno del più ampio progetto “La musica: un ponte tra i popoli”. Il documentario, grazie al supporto di Ipsia Kosovo, dell’organizzazione del DokuFest e di ARKA, lo scorso 20 agosto è stato proiettato in anteprima internazionale a Prizren e il 21 agosto a Scutari, città meta della tournè del 2014, riscuotendo un notevole successo e gradimento.
Questa estate, invece, è stato proiettato in anteprima nazionale a “Fresco di Fabbrica” all’interno della Rassegna Romagna Doc, supportata dal Comune di Forlì Assessorato alle Politiche Giovanili, D-ER Documentaristi Emilia Romagna, Regione Emilia Romagna Assemblea Legislativa, Sunset Soc. Coop.