Forlì ed eternit: l’unione continua

0

In un area di circa un chilometro quadrato a nord-est di Forlì, numerosa è la presenza di fabbriche e magazzini costruiti con materiale edile ricco di amianto. L’alta concentrazione di popolazione, diverse le abitazioni in zona, rende ancora più urgente un’ispezione dell’Ausl per valutarne la pericolosità. E’ sufficiente poi fare un giro per le nostre campagne per imbattersi ancora in vecchie tettoie ondulate, in grondaie e diversi altri manufatti di eternit ma a Forlì…
Eppure l’amianto è causa o concausa di asbestosi, cancro ai polmoni e mesoteliomi, per le caratteristiche immuno depressive legate alla struttura fisica delle sue fibre. Cliccare sull’immagine per vedere il videoservizio.

Articolo e servizio pubblicato anche nella pagina Facebook LaVoce Romagnola

CONDIVIDI
Articolo precedenteL'arrivo dei Pasqualotti a Civitella
Articolo successivoTripla scossa di terremoto a Santa Sofia
Nato a Rimini nel 1970, giornalista investigativo si occupa soprattutto di Ambiente, Sicurezza Lavoro, Balneazione, Archeologia industriale. Ha lavorato 4 anni a La Voce di Romagna ed alcuni mesi al Corriere Romagna. Da 5 anni è freelance. Archivia tutti i video servizi sulla pagina pubblica Youtube “LaVoceRomagnola”.