Unieuro Basket

Unieuro Pallacanestro Forlì – Gessi Eagles Basket Valsesia: 86 – 69

(20-16, 49-30, 71-50)

Nella giornata delle sciarpe regalate ai tifosi Unieuro, della presentazione del mini abbonamento a vantaggio dei propri sostenitori che comprende le prossime 4 partite interne casalinghe a cui i supporters biancorossi (foto Massimo Nazzaro) potranno assistere ad un prezzo di favore, la Garelli Band non fa regali, anzi si fa un regalo, il primato solitario in classifica, complice la sconfitta, la seconda consecutiva, di Cecina che perde in casa 64 a 65 contro Piombino. Davanti ad un buon numero di tifosi che preferiscono il parquet all’Iper, va in scena quella che almeno inizialmente ha la parvenza di una partita. Dopo lo sbandamento iniziale Valsesia ricuce il parziale di 6 a 0 con il quale gli uomini di Garelli avevano approcciato la gara. Entrando nel sesto minuto di partita il risultato sul tabellone recita 9 a 8 per i padroni di casa che però devono affrontare in difesa gli arancioneri. Gli uomini di coach Pansa sprecano l’occasione del sorpasso fallendo una conclusione pesante ma nel primo quarto, che si chiude 20 a 16, lanciano un segnale forte e chiaro a tutti i presenti, “siamo venuti a giocare e venderemo cara la pelle“. I primi 10 minuti, come detto, sono stati equilibratissimi e Riccardo Pederzini ne è stato l’indiscusso protagonista insieme a Sebastian Vico. Per entrambi i biancorossi il primo parziale si è chiuso con 7 punti, entrambi sono stati determinanti nella vittoria dei padroni di casa: l’italoargentino nel primo tempo, l’ala biancorossa nella seconda parte della gara, per questo diamo un exequo per quanto riguarda il migliore giocatore della partita. Il secondo quarto di una gara viva e combattuta è determinante per fare pendere l’ago della bilancia a favore dei forlivesi: Forlì scappa sul +10 al quindicesimo, 35 a 25, grazie all’ex Mens Sana Siena che costruisce il gap a suon di triple. Valsesia però non molla anche se non ha molto da opporre ad una Forlì convinta che alza addirittura per tre possessi difensivi a fila le barricate e il +19 al ventesimo ne è la conseguenza. I tifosi vanno al bar con negli occhi il cioccolatino che Pignatti riceve dal vecchio amico ritrovato dopo l’esperienza senese. Il 49 a 30 del ventesimo chiude la partita ed è frutto della maggior qualità dei padroni di casa rispetto agli ospiti. Al rientro dagli spogliatoi Forlì è in vacanza e nei primi due minuti e mezzo del terzo quarto la Gessi rientra fino al -11; a metà del periodo però le gerarchie sono ristabilite e anzi ampliate al trentesimo grazie all’ala ex Fortitudo Pederzini, Forlì è avanti 71 a 50.
Durante tutto il quarto finale i tifosi intonano canti natalizi, il periodo scivola via senza particolari sussulti e si aspetta solo la sirena che puntuale arriva e suggella il primato in classifica solitario di Forlì grazie all’86 a 69 con cui i ragazzi di Garelli hanno superato l’avversario odierno. I biancorossi sono apparsi in buona forma anche se le pause che di tanto in tanto si prendono in queste partite rappresentano sicuramente un aspetto su cui lavorare per compiere un ulteriore salto di qualità.

Unieuro Forlì: Rotondo 4, Rombaldoni ne, Vico 19, Ferri 5, Iattoni 5, Arrigoni 4, Pederzini 22, Bonacini 10, Biandolino, Pignatti 17. All. L. Garelli.
Gessi Valsesia: Berardi, Giacomelli 3, Quartuccio 5, Mazzola, Giovara 10, Santarossa 7, Gatti 14, Perucca, Zucca 8, Paolin 22. All. L. Pansa.
Arbitri: Menegalli di Grazzano (VR) e Vigato di Este (PD)
Spettatori 1300. Uscito per falli: Zucca.