Rocky Horror Qaos

Qaos, dopo il successo delle animazioni al PalaCredito di Romagna in collaborazione col Ravenna Festival 2015, ripropone la sua versione (in scena sin dal 1999) e con un supercast di oltre 30 interpreti del musical più trasgressivo della storia del teatro. “Rocky Horror… The Show”, è la pièce che la compagnia forlivese porta in scena al teatro Testori di Forlì per Capodanno, giovedì 31 dicembre. Lo spettacolo è stato, fra gli altri, vincitore della XII edizione del Festival Nazionale Teatrale “Un Castello… di Risate” di Gorizia). Un modo per trascorrere l’ultima notte dell’anno in maniera divertente e… diversa! Dalle ore 21,30 il musical e a seguire a mezzanotte il brindisi e il consueto veglione con dj set sul palco e nella platea del Teatro.
Lo show è quello che entusiasma i fan di mezzo mondo da una ventina d’anni: Brad (Giovanni Zanotti) e Janet (Elena Amadori), due virginei fidanzatini americani, siimbattono per sbaglio in un castello popolato da loschi e perversi alieni del pianeta TranZylvania della galassia TranZexual, il cui capo, l’ambiguo Frank’n’Furter (Gabriele Landi), li avvierà sulla strada della libertà sessuale.
Manifesto della rivoluzione dei costumi degli anni ’70, il musical vede in scena in questa versione di San Silvestro circa 20 fra attori, cantanti e ballerini che interpretano dal vivo tutti i brani dello show, dal celeberrimo “Time Warp” alla dolce “Science fiction”, dalla malinconica “Once in a while” alla scatenata “Hot Patootie” per un Capodanno di divertimento e… ambiguità assicurati. Suggerimento: entrate nel pazzo castello di Frank e travestitevi anche voi con noi!
Fra gli altri interpreti: Sandro Briganti (Riff Raff), Gloria Rassu (Magenta), Valentina Ventura (Columbia), Davide Molignoni (Little Rocky), Alessandro Muzzini (Dr. Scott… Uh!), Alessandro Salieri (Eddie… Ssht! / He-Usherette), Michela Santandrea (She-Usherette).
Regia di Valerio Arpinati basata sulla regia originale di Rodolfo Di Giosaffatte. Riadattamento Alberto Ricci, coreografie Samuele Babini, Azzurra Bubani, Alessandra Casadei, Franco Giannini basate su quelle originali di Will Roberson. Tracce sonore The lost Patooties, PierPaolo Sedioli, Cori Gabriele Landi, Selanna Martorana, disegno luci Adler Ravaioli.