Tokyo: alle origini di nuovo Cinema Paradiso

La mostra fotografica di Giuseppe Tornatore e Mimmo Pintacuda sarà inaugurata a Tokyo nei locali dell’Istituto Italiano di Cultura, sabato 5 settembre, fino a mercoledì 30 settembre 2015

0

La mostra fotografica di Giuseppe Tornatore e Mimmo Pintacuda sarà inaugurata a Tokyo nei locali dell’Istituto Italiano di Cultura, sabato 5 settembre, fino a mercoledì 30 settembre. Sala Esposizioni ore 11,00-18,00. Alle origini di Nuovo Cinema Paradiso è una mostra di fotografie di Giuseppe Tornatore, uno dei registi italiani più famosi internazionalmente, e del proiezionista e fotografo Mimmo Pintacuda. Il legame che unisce Pintacuda a Tornatore è fortissimo, come fortissima è l’amicizia che lega Totò e Alfredo, i protagonisti di Nuovo cinema Paradiso: pare infatti che Tornatore abbia creato il personaggio di Alfredo ritagliandolo su Mimmo, il suo primo maestro di fotografia e quello che gli ha trasmesso i primi rudimenti dell’arte cinematografica.

Questa mostra intende evidenziare il legame fra i personaggi, le situazioni, le atmosfere ritratte dai due artisti fra gli anni ’50 e gli anni ’70 nella loro Sicilia e il mondo che Tornatore racconta nei suoi film. Nella ricca scelta di foto esposte è visibile la realtà della loro terra, la Sicilia, e in particolare di Bagheria, la loro città, prima che il genio del regista la trasformasse e la ricomponesse in film come Malena, L’uomo delle stelle, Baarìa e, appunto, Nuovo cinema Paradiso, vincitore del premio Oscar come miglior film straniero nel 1990. La campagna arida, la passeggiata a mare. E poi la realtà della via, dove le donne fanno il bucato e i bambini giocano a pallone, la piazza, dove un venditore ambulante di callifughi affascina la folla che lo ascolta, il Corso, il salotto buono dove la domenica la gente va a spasso indossando i suoi abiti migliori. E infine il cinema, il luogo insieme prosaico e magico dove si concludono i pomeriggi dei ragazzi, le serate degli adulti e dove Tornatore/Totò ha incontrato per la prima volta il suo maestro Mimmo/Alfredo. Oltre alle foto saranno esposti alcuni manifesti originali del film Nuovo Cinema Paradiso.

Giuseppe Tornatore nasce a Bagheria, in provincia di Palermo, nel 1956. All’età di appena sedici anni mette in scena opere teatrali di Pirandello e De Filippo. Prima di dedicarsi al cinema, realizza alcuni documentari per la televisione. Il suo esordio sul grande schermo avviene con Il Camorrista, interpretato da Ben Gazzara. Con Nuovo cinema paradiso (1988) ottiene successo internazionale e numerosi riconoscimenti: il film riceve il Gran premio speciale della giuria al Festival di Cannes e l’Oscar per il miglior film straniero. Tornatore firma molti altri film, alcuni dei quali ambientati in Sicilia. Fra i titoli più noti ricordiamo Stanno tutti bene (1990) con Marcello Mastroianni, Una pura formalità (1994), con Gerard Depardieu e Roman Polanski, L’uomo delle stelle (1995), La leggenda del pianista sull’Oceano (1998) con Tim Roth. Seguono Malèna (2000), con Monica Bellucci, La Sconosciuta (2006) e Baarìa (2009), dedicato al suo paese natale. Il suo ultimo film è La migliore offerta (2012), con Geoffrey Rush. Anche dopo avere raggiunto il successo come regista di opere di fiction, Tornatore ha continuato a realizzare documentari. Si ricorda L’ultimo gattopardo (2010), dedicato al grande produttore Goffredo Lombardo.

Mimmo Pintacuda (1927–2013) ha svolto per molti anni l’attività di proiezionista. Questa occupazione fa nascere in lui la passione per l’immagine e la fotografia, lasciandogli allo stesso tempo lunghe mattinate di tempo libero per coltivarla. Pintacuda inizia così a documentare la vita quotidiana di Bagheria e dintorni, attività che lo porta a realizzare più di diecimila immagini, presentate attraverso numerose mostre, tra le quali Quando i bambini non ci guardano (1967), La grafiafoto (1973), Bagheria ieri e oggi (1980), Anziani (1990). Nel 1969 si reca a Chicago dove realizza un reportage sulla condizione degli emigranti italiani negli Stati Uniti, che sarà alla base della mostra Diario di un emigrante (1977). Il catalogo era introdotto da una presentazione del pittore Renato Guttuso, suo grande amico. Gran parte del materiale da lui raccolto è conservato nel Museo Renato Guttuso – Civica Galleria di Bagheria, dove il 19 marzo 2005 Giuseppe Tornatore ha presentato il libro Mimmo Pintacuda cinquant’anni di fotografia.

Rosetta Savelli

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl XXI Festival di Musica Popolare con Musicanti del Piccolo Borgo e Tramas
Articolo successivoÈ morto Darryl Dawkins, leggenda del basket mondiale e forlivese
Rosetta Savelli coltiva da sempre l'amore per la musica, la letteratura e l'arte. Ha pubblicato 4 libri: un racconto, una raccolta di poesie e due romanzi. Ha partecipato a numerosi concorsi letterari ottenendo riconoscimenti e pubblicazioni. Il suo romanzo "La Primavera di Giulia" è stato pubblicato dal Ponte Vecchio in Cesena nel 2006. Il racconto "Iris e Dintorni" e la raccolta di poesie "Le Magie che mi soffiano lontano" sono stati pubblicati nel 2002 dalla Firenze Libri e sono stati presentati alla 55° Fiera del Libro di Francoforte nel 2003. Nel 2009 ha partecipato al Premio Letterario Firenze per le Culture di Pace, dedicato a Tiziano Terzani ed è stata inserita nel volume antologico "Racconti per la Pace" con il racconto "Il Mondo nella piazza davanti a casa mia". Nel 2014 ha partecipato al Concorso Big Jump con il suo ultimo romanzo pubblicato in Amazon “Celeste (Da qui a Hollywood la strada è breve)” risultando 15° fra 220 concorrenti. Nel mese di ottobre 2015 Rosetta Savelli ha vinto il III° Premio alla V° Edizione del Premio Kafka Italia 2015 in Gorizia, presso Kulturni C Lojze Bratuž, con il Racconto “Iris e Dintorni” edito nel 2003 dalla Firenze Libri. Nel mese di aprile 2017 Rosetta Savelli insieme all'artista Daniele Miglietta ha vinto il Premio della Critica in occasione della I°Edizione del Concorso online “Poesia a Colori”. Rosetta Savelli ha partecipato con la poesia “Se sei donna ti diranno che ti manca” abbinata all'opera pittorica di Daniele Miglietta “Sleeping on flowers”. Collabora con la rivista di arte contemporanea "Juliet art magazine" con sede a Muggia (Trieste) e diretta da Roberto Vidali. Collaborazione nata nell'anno 2014 e tutt'ora in atto.