Presentazione del libro “Andar per storie… a Meldola”

0

Venerdì 7 novembre, alle ore 20,30 nella Sala del Consiglio comunale di Meldola, l’Associazione di Promozione Sociale “Parolefatteamano” presenta la prima parte del nuovo libro “Andar per storie… a Meldola“. I curatori sono Astrid Valeck e Fuzzi Ermes che si sono divisi il compito di raccogliere e custodire le memorie autobiografiche di Borghesi Laura, Ghetti Corrado,Guarisco Biancarosa, Minelli Fausta, Venturi Loris e Zattini Gianluca.

Nella Sala del Consiglio, con la regia dell’attore Sandro Briganti, prenderanno voce le parole autobiografiche dei protagonisti maschili. Dalle letture di “Andar per storie… a Meldola” emergeranno spaccati di vita che i tre narratori hanno scelto di lasciare alla comunità. Il volume sarà infatti custodito e disponibile in consultazione nei locali della Biblioteca “Torricelli” alla sezione mnemoteca non appena sarà completata la presentazione  delle protagoniste femminili che avverrà entro fine anno.

La sceneggiatura minimalista e la lettura a tre voci di Stefania Severi, Sandro Briganti e Ermes Fuzzi, precedute dal saluto dell’assessora Cristina Bacchi e da una introduzione di Astrid Valeck, costituiranno l’anima della serata.

Siamo mossi dalla passione e dalla curiosità per le storie di vita di ciascuna persona – afferma Valeck .- La nostra associazione sta raccogliendo sempre più consensi e partecipazione tanto che dal prossimo anno proporremo un punto di ascolto autobiografico aperto a chiunque voglia cimentarsi nella scrittura della propria storia di vita”.

Per il 2015 è previsto inoltre un seminario di scrittura autobiografica sulla scia dei laboratori degli anni scorsi intitolati “Scrivere fa bene alla vita – aggiunge Fuzzi .- Lo scopo del nuovo laboratorio sarà quello di rafforzare il gruppo già attivo di biografi volontari per far emergere altri importanti spaccati di storia locale. Si inizierà dalla scrittura di sé prima di arrivare a quella dedicata ad altre persone che desiderino lasciare testimonianza del proprio esistere”.