Terra del Sole palio

Il dopo-Palio di S. Reparata – la potente macchina messa in campo dall’Ente Palio insieme alle associazioni terrasolane – ha regalato emozioni allo stato puro con il duo Eventi verticali formato dai fratelli Andrea e Luca Piallini, i quali hanno sospeso brevemente la fortunata tournée dello spettacolo Wanted, per librarsi dai tetti di Palazzo Pretorio.
Il lavoro che hanno dedicato al paese d’origine della loro madre è un nuovo esperimento verticale, intitolato provvisoriamente La Terra del Sole.

I due acrobati hanno corso, saltato e danzato sulla facciata del Palazzo Pretorio sospesi alle loro funi, disegnando coreografie aeree mozzafiato che il pubblico aveva già potuto in parte ammirare lo scorso anno sulla facciata della chiesa di S. Reparata.
La vera novità di quest’anno è stata la tecnica con la quale la parete ed i due attori verticali sono stati illuminati: l’amico disegnatore sardo Fabio Lanza, utilizzando una tavoletta grafica, ha disegnato letteralmente la luce, che è stata proiettata sulla facciata del palazzo da un potente videoproiettore.

Nell’epoca dell’onnipresente 3D e dell’innovativo videomapping – spiega Luca Piallinivolevamo ridimensionare il ruolo della tecnologia, rendendolo funzionale ad azioni che sono prettamente manuali, ancora analogiche, come il disegno a mano libera e l’acrobatica. La mediazione del computer, infatti, ha il semplice scopo dell’ingrandimento delle immagini create dalla mano del disegnatore“.

La folla presente in piazza ha potuto ammirare la facciata trasformarsi di volta in volta in un’enorme tela pop alla Andy Warhol o nel sogno alcolico dell’elefantino Dumbo di disneyana memoria. Sta di fatto che, quando i due fratelli, alla fine dello spettacolo, si sono lasciati scorrere dalla vetta dell’orologio “in fiamme” fino a scomparire tra le fronde del grande albero di fianco alla chiesa di S. Reparata, il pubblico è ammutolito, prima di lanciarsi in uno scrosciante applauso. Più che meritato.