Paola Monaldi Forlì

Anche Paola Monaldi, candidato sindaco di Forlì della lista civica “Movimento idea sociale”, ha sottoscritto la piattaforma economica che l’Ugl di Forlì-Cesena e Rimini ha presentato e sta presentando a tutti candidati sindaco di Forlì in occasione delle elezioni amministrative del 25 maggio 2014. Parere favorevole all’elenco di sei priorità che il sindacato ha presentato nei giorni scorsi anche ai candidati Anna Rita Balzani (centrodestra), Daniele Avolio (M5s), Andrea Pasini (Amare Forlì), Luigi Ascanio (Cambia Forlì) e Davide Drei.

L’attivazione di una Consulta comunale sul Lavoro mi va benissimo – spiega Paola Monaldi – così come il trasferimento in capo al Comune di servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti ad oggi gestiti da Hera. Ma in merito a questa proposta il nostro Movimento è dichiaratamente favorevole al ritorno alle municipalizzate in tema di: sanità, acqua, energia, tributi e tutto quello che riguarda servizi pubblici ai cittadini. Le società che attualmente erogano questi prodotti sono Holding dedite al profitto (si pensi soltanto ad Hera) oppure maxi aggregati territoriali che servono soltanto ad aumentare le poltrone di potere ed a far perdere il contatto con i cittadini”.

Anche sulle altre proposte dell’Ugl c’è piena sintonia. “Sì alla valorizzazione della rete dei servizi sociosanitari a tutela degli anziani e delle fasce deboli, ma per favore parliamo di servizi sociali e non di welfare, con un inutile inglesismo. Sì alla lotta agli sprechi, all’abbattimento dei costi delle società “partecipate” ed al potenziamento della sicurezza e del controllo del territorio rafforzando la sinergia fra forze dell’ordine pubbliche e private e soprattutto dislocando i vigili urbani sul territorio a garantire la sicurezza dei cittadini piuttosto che agli angoli delle strade a fare multe!”.

Quanto alla della sperimentazione ed all’utilizzo della moneta complementare a sostegno delle imprese, cavallo di battaglia dell’Ugl, il candidato sindaco di Forlì della lista civica “Movimento idea sociale”, Paola Monaldi, ha spiegato: “Siamo favorevoli, ma noi siamo andati oltre, nel nostro programma elettorale infatti è contenuta la proposta dell’attivazione di una banca del cittadino di proprietà comunale e circolazione di una moneta complementare che abbiamo chiamato “il quattrino”. Il nostro movimento è contro le banche degli strozzini e contro l’euro e difende il ritorno alla sovranità monetaria”.

L’adesione ideale a queste linee programmatiche ha avuto anche un suggello formale nella sede dell’Ugl di via Bruni, con la stretta di mano che Paola Monaldi ha scambiato con il vice Gerardo Fasulo (nella foto) e la firma della piattaforma sindacale che non a caso l’Ugl ha chiamato “Per un’economia dal volto umano”.
Gerardo Fasulo s’è soffermato sull’argomento del trasferimento in capo al Comune dei servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti ad oggi gestiti da Hera e sull’attivazione di una moneta complementare da condividere in un apposito circuito come occasione economica per le imprese del territorio.