Qualcuno dice che Forlì potrebbe anche permettersi di perdere la partita domenica contro Ferentino perché tanto poi tutto sarebbe deciso dalle prossime due giornate di campionato. Io vi dico che per quanto mi riguarda Forlì non si potrà salvare se perderà una delle prossime quattro partite. Già facendo percorso netto nell’ultimo mese di campionato salvarsi sarebbe un’impresa ancora più importante di quella centrata da Vucinic, visto il valore della squadra forlivese di questa stagione, indiscutibilmente più scarso di quella a disposizione del serbo. L’ex dell’incontro, oltre a Pierich e Guarino è Davide Rosignoli.
Simone Pierich ha scelto il Lazio per proseguire la sua carriera e mettere a disposizione la propria qualità e la propria ottima mano dalla lunga distanza alla causa dei laziali. In regia, parafrasando un vecchio adagio, altro giro, altro ex biancorosso, Francesco Guarino, ex indimenticato ai tempi della B1, riesce a coniugare distribuzione di gioco oculata e in velocità come pochi in questa categoria.
In posizione di guardia un’altra vecchia conoscenza del pubblico forlivese e di coach Gramenzi che lo ha già allenato ai tempi di Barcellona Pozzo di Gotto, quel Ryan Metthew Bucci che da quest’anno ricompone con Francesco Guarino la coppia di esterni letale grazie alla quale la squadra del presidente Bonina centrò la promozione in Legadue proprio ai danni di Forlì. Bucci esce dalla panchina dando qualità e quantità alla sua squadra. Dalla panchina esce anche Marco Giuri che dopo aver vestito le canotte di Barcellona e Brindisi ha scelto la FMC per centrare traguardi importanti.
Lo spot di guardia titolare del quintetto comunque verrà occupato da Green, il giocatore più pericoloso dei suoi in assoluto, che saltò la partita è andata lasciando il posto Jackson .
Sotto canestro Ferentino si permette di schierare una coppia di lunghi titolare ben amalgamata formata da due interpreti le cui caratteristiche sono complementari: Mosley e Luca Garri non stanno attraversando un momento felice.
A dare respiro ed ampiezza alle rotazione dei lunghi escono dalla panchina Paesano giovane in arrivo dalla DNB e precisamente dal florido vivaio della Stella Azzurra. A completare le amplissime rotazioni degli esterni anche Parrillo e il giovane Duranti che più che altro sfrutta gli allenamenti che sostiene durante la settimana con i più blasonati compagni per fare esperienza. La partita di domenica sarà durissima soprattutto perché i padroni di casa vorranno riscattare la “scoppola” presa nelle Marche per rilanciare le proprie velleità di qualificarsi perla post season. Una Forlì “incerottata” dovrà cercare di vincere per sognare. Nicolas Crow, ad esempio, per problemi fisici ha dovuto saltare un paio di allenamenti. 

Valentino Piolanti

CONDIVIDI
Articolo precedenteTagliatelle indigeste
Articolo successivoForlimpopoli, 150 messe in piega per l’Hospice
Diplomato al liceo Fulcieri Paolucci de Calboli di Forlì, nel lontano 1997, intraprende gli studi di Scienze dell'Informazione di Cesena in cui consegue la Laurea nel marzo del 2002. Dopo varie esperienze lavorative nel ramo dell'informatica presta la sua opera come programmatore all'interno del servizio informatico dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l. La sua vita senza la musica, lo sport e la ginnastica sarebbe stata monotona ma... Dicono di lui: "Chiedetelo agli altri...". Dice di lui: "Ciò che non ti uccide ti fortifica... Tutte cazzate"!