difesa fulgor

Neanche il tempo di godere dell’aggancio alla zona salvezza e i ragazzi di coach Massimo Galli si rituffano a capofitto in un campionato equilibratissimo e senza pause. Il prossimo avversario è rappresentato da quella Trapani che strappò il primo sorriso ai tifosi forlivesi (foto di Pier Paolo Longo del match d’andata). Presentando la gara dell’andata dipingemmo la squadra siciliana come una compagine non alla portata, sulla carta, dei biancorossi; Trapani giocò quella gara sotto tono e molti degli addetti ai lavori presenti al Palafiera rimasero delusi dai ragazzi allenati da Lino Lardo.

Il roster degli amaranto però si è confermato di buon livello durante tutto il girone di andata e il fatto che sia stabilmente in una zona tranquilla della classifica, i siciliani hanno 18 punti, ne è la riprova.
I due esterni americani del quintetto base dell’ex giocatore di Forlì, Parker e Lowery, rappresentano senza ombra di dubbio una delle principali minacce che la difesa forlivese dovrà disinnescare se vorrà tornare dall’isola con i due punti. Trapani però è squadra multidimensionale e la coperta dei biancorossi rischia di essere come quella di Linus, sempre corta.

Infatti pur chiudendo gli esterni di Lardo, la difesa forlivese non potrà dormire sonni tranquilli; sotto canestro i siciliani schiereranno due giocatori temibili che, se in giornata, possono dare fastidio sia nel pitturato che da dietro l’arco dei tre punti. Parliamo di Andrea Renzi e Patrick Baldassarre. L’ex Verona, come il compagno di reparto, non fece una partita solida in quel di Forlì lasciandosi trascinare fuori da essa dalle sue continue diatribe con arbitri e tifosi.

Completa il quintetto dei siculi Giancarlo Ferrero che non ha bisogno di presentazioni; l’ala piccola cresciuta a Casale è giocatore solido e costante nelle prestazioni e i numeri del girone di andata lo testimoniano.
Dalla panchina escono il centro Luca Ianes, l’ex forlivese Alessandro Tabbi, molti giovani confermati e provenienti dal settore giovanile, l’ala piccola Nelson Rizzitiello e il giovane regista Stefano Bossi.

La partita di domenica prossima sarà durissima anche perché i tifosi trapanesi non sono abituati a vedere perdere la loro squadra (Trapani in casa ha perso una sola volta in tutto il girone d’andata), viene da una vittoria seppure con Imola e vorrà confermarsi.
Mettere punti in carniere vorrebbe dire per Forlì trovare quella continuità di risultati necessaria per raggiungere l’importante obiettivo della salvezza e permettere di preparare con serenità le prossime difficilissime partite.
Rimanete dunque sintonizzati su queste frequenze e saprete cosa accadrà in Sicilia: 4live seguirà la partita per voi.

Valentino Piolanti

CONDIVIDI
Articolo precedenteA Forlimpopoli è l’ora del Big Bang
Articolo successivoUna serata per ricordare Paola Perini
Diplomato al liceo Fulcieri Paolucci de Calboli di Forlì, nel lontano 1997, intraprende gli studi di Scienze dell'Informazione di Cesena in cui consegue la Laurea nel marzo del 2002. Dopo varie esperienze lavorative nel ramo dell'informatica presta la sua opera come programmatore all'interno del servizio informatico dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l. La sua vita senza la musica, lo sport e la ginnastica sarebbe stata monotona ma... Dicono di lui: "Chiedetelo agli altri...". Dice di lui: "Ciò che non ti uccide ti fortifica... Tutte cazzate"!