ladro furti furto

Il dato sui furti in appartamento in Italia pubblicato da Transcrime dell’Università Cattolica di Milano e dell’Università degli Studi di Trento per conto del Ministero dell’Interno è a dir poco allarmante. Le province dove nel 2012 maggiore è stato l’incremento sono Rovigo (237%), Forlì (232%), Mantova (228%), Terni (224%), Reggio Calabria (203% e Milano (203%). I furti siano maggiormente concentrati nel Nord del paese (54,6%).

Il numero di furti in appartamento in Italia ha subito un incredibile aumento negli ultimi anni. I risultati di questo rapporto evidenziano come i furti si concentrino nello spazio e nel tempo e come un alto numero di furti avvenga a danno di pochi civici. In particolare si è evidenziato che il mese di dicembre si riveli essere il più critico registrando il 12% dei furti, il doppio rispetto al mese di agosto che invece è il mese con la numerosità più bassa.
A partire dal lunedì vi sia un progressivo aumento dei furti in appartamento fino ad arrivare alla percentuale più alta di reati il venerdì con il 18,9% dei furti denunciati. Il 35,9% dei reati si concentri in soli due giorni della settimana, venerdì e sabato.

I furti in appartamento si verificano soprattutto di giorno tra le ore 9,00 e le 21,00 (68,9% dei furti totali). La percentuale più alta coincide con la fascia 18-21 con il 20,5% del totale.
Nei periodi notturni si evidenzi una percentuale in media più alta di reati tentati rispetto a quelli compiuti. Nel 18,49% dei numeri civici totali della città si sia registrato almeno un furto nel periodo considerato. I numeri civici che hanno subito più di un furto in appartamento nel periodo considerato siano il 5,71% dei civici totali e abbiano concentrato il 54,94% dei furti. Quindi molti reati sono avvenuti a danno di poche abitazioni.

Le zone di Milano più a rischio siano i quartieri dell’area est e nella zona centro-ovest.
Un ulteriore e recente aggiornamento di questo rapporto con dati 2011 e 2012 ha permesso di estendere l’analisi a tutto il territorio italiano utilizzando dati aggregati a livello di regione e di provincia. L’obiettivo è evidenziare i trend di crescita di questo fenomeno e le aree del paese più colpite. I primi risultati emersi evidenziano come il fenomeno sia in crescita costante: nel 2012 si sono registrati in Italia circa 238.000 furti in abitazione denunciati dalle Forze dell’Ordine all’Autorità Giudiziaria registrando un aumento del 114% rispetto al 2004 e del 40% rispetto al 2010.

L’Umbria sia la regione dove l’aumento rispetto al 2004 è stato più rilevante (166%), seguita da Lombardia (156%), Toscana (141%) e Friuli Venezia Giulia (140%). Tutte le regioni hanno registrato un incremento nei valori assoluti di questo reato.
Le province dove maggiore è stato l’incremento siano Rovigo (237%), Forlì (232%), Mantova (228%), Terni (224%), Reggio Calabria (203% e Milano (203%). I furti siano maggiormente concentrati nel Nord del paese (54,6%). Le regioni del Centro siano quelle ad aver registrato l’incremento più rilevante (125%) nel periodo considerato. La Lombardia sia la regione dove si registra il maggior numero di furti (22% del totale) seguita da Emilia Romagna (10%) e Piemonte (10%).

Marco Dugato, docente dell’Università Cattolica di Milano e ricercatore di Transcrime, spiega: “L’andamento registrato negli ultimi anni è sorprendente, anche perché non in linea con l’andamento di altre fattispecie criminali. Ad esempio, nello stesso periodo il totale dei furti totali è rimasto sostanzialmente invariato con una variazione solo del 4%. Inoltre, questo tipo di reato presuppone un livello di pianificazione, competenza ed organizzazione molto alto da parte dei criminali. I ladri scelgono con cura i propri bersagli, le modalità di azione e il momento in cui colpire. In altre parole si tratta di gruppi o singoli altamente specializzati, questo porta anche ad escludere la crisi economica come uno dei fattori collegabili a questo incremento“.
Transcrime continuerà nei prossimi mesi questo approfondimento cercando di monitorare questo fenomeno evidenziandone i suoi andamenti e le sue caratteristiche.

[Fonte Trascrime]