Leonessa Brescia

Un Massimo Galli, carico come tutta la squadra ma realista sulle possibilità di vincere la partita di Brescia da parte dei suoi ragazzi, è quello che si presenta alla conferenza stampa di oggi pomeriggio. Nicolas Crow e Luigi Sergio con tutta probabilità non prenderanno parte alla contesa causa i postumi dei recenti infortuni. L’esterno infatti dopo 4 giorni di riposo aveva ripreso ad allenarsi nella giornata di ieri, ma è dovuto rientrare ai box per il riacutizzarsi del problema al ginocchio che lo sta attanagliando in questo periodo.

Il lungo Campano è invece alle prese con una distorsione alla caviglia rimediata nell’ultima partita che lo ha tenuto fermo per tutta la settimana; non è nulla di grave ma il giocatore pur essendo a referto non dovrebbe scendere in campo in quel di Brescia; il verdetto definitivo verrà demandato all’allenamento di domenica mattina dopo il quale lo staff tecnico, di comune accordo con i medici, deciderà in merito l’Impiego e due giocatori.
“Comunque andiamo a Brescia a giocarcela come abbiamo fatto in tutti i campi dove siamo stati finora” con queste parole l’allenatore forlivese ha cercato di caricare l’ambiente che resta comunque sul pezzo; ancora “quella lombarda è una squadra competitiva fatta di 10 giocatori completa in tutti i ruoli, esperta e farà paura a molti nei playoff: sarà una partita dura, noi la giocheremo fino al quarantesimo”.

In piena sintonia con suo allenatore rientrante Riccardo Ravaioli che dopo quattro partite in cui ha guardato soffrire e sudare i compagni sul campo rientra a pieno titolo nella rotazioni del suo Coach: “non sono ancora al 100 per 100, ci vorranno forse ancora un paio di settimane ma farò del mio meglio per aiutare la squadra in questo momento.”
Nelle quattro partite viste da fuori Riccardo ha capito qual è la componente importante in questo gruppo: “Siamo una squadra unita dove tutti si danno una mano per raggiungere l’obiettivo, ci proveremo anche domenica a Brescia, la gente ci ama e ci segue anche per questo motivo perché si accorge che noi diamo tutto”.

L’esterno forlivese ha le idee chiare: “sarà durissima, abbiamo provato qualche cosa, non mento, per minare le loro sicurezze ma loro sono lunghi, forti ed esperti; proveremo a stare con loro fino alla fine e poi vedremo.” ed ancora:” sono pronto a dare il mio contributo a sfruttare quella che è la più grande occasione della mia carriera nelle partite che rimangono da qui a fine stagione. Voglio salvare Forlì”.
Insomma un ambiente carico ma realista quello biancorosso che prepara al meglio la difficile trasferta di Brescia.

Valentino Piolanti

CONDIVIDI
Articolo precedenteFesta della Befana a Tredozio
Articolo successivoCasa Artusi in onda su Rai Uno a Linea Verde
Diplomato al liceo Fulcieri Paolucci de Calboli di Forlì, nel lontano 1997, intraprende gli studi di Scienze dell'Informazione di Cesena in cui consegue la Laurea nel marzo del 2002. Dopo varie esperienze lavorative nel ramo dell'informatica presta la sua opera come programmatore all'interno del servizio informatico dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l. La sua vita senza la musica, lo sport e la ginnastica sarebbe stata monotona ma... Dicono di lui: "Chiedetelo agli altri...". Dice di lui: "Ciò che non ti uccide ti fortifica... Tutte cazzate"!