antiche terme

Dopo il successo della mostra dedicata al liberty e al razionalismo, continuano le esposizioni a Musa, museo del sale di Cervia, con una mostra dedicata alle vecchie terme dal titolo “Il Sale, i Fanghi, il Sole”. Immagini e documenti relativi al vecchio stabilimento termale nelle saline.

Nate nell’area delle saline negli anni ’40 le terme erano molto spartane e realizzate all’aperto. Erano gestite dal CRAL ( dopolavoro) delle saline di Cervia. Delle buche scavate nell’argilla fungevano da vasche per i bagni di fango che poi si seccava sotto al sole. Solo negli anni ’60 questo antico stabilimento termale venne chiuso a venne realizzata l’attuale struttura che continua comunque ad utilizzare fanghi ed acque madri delle saline.

L’esposizione visitabile dal 18 gennaio al 16 febbraio propone immagini fotografiche delle antiche terme in attività e del luogo visto oggi. Ancora saranno esposti interessanti documenti storici relativi alle antiche terme fra cui la pianta del vecchio stabilimento, i biglietti di ingresso, dati statistici delle presenze dal 1947 al 1957, depliant di promozione delle attività terapeutiche che vi si svolgevano, nonché le richieste da parte del CRAL della concessione all’utilizzo delle acque madri per bagni e lavaggi. La mostra è curata dal Gruppo Culturale Civiltà Salinara.

Sabato 18 gennaio sarà per il museo del sale anche un pomeriggio dedicato ai bambini e all’arte. Continuano infatti i laboratori artistici di “Giochiamo al museo!”. L’appuntamento dalle ore 15,00 alle 17,00 sarà con “L’arte del Riciclo”, disegni a collage con materiali di recupero. Il laboratorio è curato dall’associazione culturale “Cervia incontra l’Arte” da anni impegnata nella realizzazione di attività culturali legate all’arte.

CONDIVIDI
Articolo precedenteUna serata per ricordare Paola Perini
Articolo successivoFurti in appartamento: a Forlì incremento del 232%
Ragioniere, classe 1963, iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti dal 1994. Appassionato di giornalismo e social network ha collaborato come giornalista pubblicista per la Gazzetta di Forlì, per la Gazzetta dello Sport, Corriere di Forlì, Forlì&Forlì e dal 2000 fino ad aprile 2013 per Il Resto del Carlino di Forlì. Da luglio 2011 è direttore di 4live.