Nuova tangenziale Forlì

Era ora!!! Ormai sembrava una piccola Salerno-Reggio Calabria in salsa cappelletti o piadina. L’Anas ha aperto al traffico l’ultimo tratto (di 2,7 km), completando l’Asse di Arroccamento o Tangenziale di Forlì. Al taglio del nastro (nella foto) hanno partecipato l’assessore ai trasporti della Regione Emilia Romagna, Alfredo Peri, il presidente della Provincia di Forlì-Cesena, Massimo Bulbi, il sindaco del Comune di Forlì, Roberto Balzani, il capo compartimento Anas per l’Emilia Romagna, Nicola Prisco, e il condirettore Tecnico dell’Anas, Alfredo Bajo. Il costo di questo tratto? 76 milioni di euro.

“L’apertura al traffico di questo tratto dell’Asse di Arroccamento – ha affermato il Presidente dell’Anas Pietro Ciucci in un comunicato – consente di collegare la strada statale 9 “Via Emilia” alla Tangenziale Est, lungo la direttrice ovest-est, permettendo al flusso veicolare e in particolare ai mezzi pesanti di superare il centro abitato di Forlì, a Nord, migliorando le condizioni di sicurezza della circolazione, alleggerendo il traffico urbano e consentendo una riduzione dei fattori di inquinamento atmosferico”. “Inoltre – ha proseguito Pietro Ciucci –, il completamento dell’asse viario consente una drastica riduzione dei fattori di inquinamento acustico nel centro abitato, grazie alla galleria artificiale che sottopassa l’area urbana”. “L’importo complessivo dell’intervento dell’Asse di Arroccamento – ha concluso il Presidente dell’Anas – ammonta a 98 milioni di euro di cui 76 milioni di euro per il tratto oggi aperto al traffico”

Ora la tangenziale di Forlì è lunga circa 7,2 km, nasce dall’intersezione con la via Emilia e termina con lo svincolo di collegamento alla Tangenziale Est di Forlì. La galleria, quella inaugurata oggi, è lunga circa 1 km. E’ stata realizzata per passare sotto alle vie Ravegnana, Macero Sauli e Bertini. Sono state realizzate 3 vie di fuga e 9 by-pass pedonali, che consentono l’evacuazione in sicurezza in caso di incendio e offrono al tempo stesso un luogo sicuro di rifugio, essendo tutti dotati di filtro antifumo e protetti da porte tagliafuoco. All’interno della galleria, inoltre, sono stati realizzati impianti di ventilazione, impianti di rilevazione incendi, telecamere a circuito chiuso. La nuova tangenziale consente una velocità massima fino a 120 km/h ed è composto da 2 carreggiate separate, 2 corsie per senso di marcia di 3,75 metri e banchine laterali di 1,75 metri per lato, per una larghezza complessiva della piattaforma stradale pari a 21,50 metri. Lungo il percorso sono stati realizzati ex novo gli svincoli ‘via Ravegnana’, ‘via Bertini’ e lo svincolo con la ‘Tangenziale Est’, già aperto al traffico.