Eraldo Baldini

Domenica 15 dicembre doppio evento nella cittadella medicea: alle ore 16,00 l’apertura al pubblico del Castello del Governatore, nonché della sede del Borgo Romano e alle 17,00 la presentazione dei romanzi “Nevicava sangue” di Eraldo Baldini (Ed. Einaudi) e “Giallo di zucca” di Gaia Conventi (Ed. Betelgeuse). Dialoga con gli autori Isabella Leoni, letture dell’attrice Sabina Spazzoli.
Un assaggio dei due romanzi.
In “Nevicava sangue” Eraldo Baldini, noirista affermato, storico e antropologo, ripercorre le tappe della campagna di Russia attraverso gli occhi di un boaro ravennate, Francesco, che cerca di riportare a casa la pelle per tornare dalla figlia e dalla madre. Per dare qualche cifra, dei 650mila uomini che componevano la Grande Armata napoleonica, quasi tutti morti di fame e freddo, 70mila erano italiani, molti romagnoli. Di questi solo qualche centinaio si salvò dalla morte e Eraldo racconta la storia di uno degli scampati. E’ un viaggio all’inferno intriso di funesti presagi, selve stregate e uomini tramutati in belve fameliche, dove non esiste altra regola che quella della sopravvivenza.
Gaia Conventi, blogger spietata e scrittrice sagace, presenta in “Giallo di zucca” la Ferrara del palio (“quello vero, s’intende”), non quella classica, grigia e avvolta nella nebbia, ma abbagliata dal sole. Ci sono personaggi moderni, in una città moderna, con morti moderni.
Protagonista del libro è Luchino, un fotografo che lavora con la polizia, amico di un cane che combina guai.
La narrazione in prima persona costringe il lettore a guardare attraverso gli occhi del protagonista una vicenda che si infittisce e a raccogliere insieme a lui voci di quartiere, intuizioni e piste.
I due autori, nella loro diversa cifra narrativa e personalità eclettica (entrambi amanti dei gatti) non potrebbero trovare migliore location per dialogare con i lettori del Castello del Governatore.
Al termine della presentazione l’Associazione del Borgo Romano offrirà un buffet ai presenti.
Nella galleria fotografica le copertine dei romanzi e l’attrice Sabina Spazzoli.