Albero Natale a Dovadola

Dopo l’accensione del ceppo di Natale (e’ zöch d’ Nadêl) in piazza Marconi, avvenuta martedì 24 dicembre, e il successivo arrivo di Babbo natale che ha portato un gioco per tutti i bambini fino ai dieci anni di età del paese, sono iniziati gli appuntamenti serali attorno al fuoco promossi alternativamente dalle associazioni dovadolesi (Pro Loco, Protezione Civile, Associazioni Genitori, AVIS, Real Dovadola, Historic Valmontone, Associazione Ciclistica).

Tutte le sere, tempo permettendo, fino al giorno dell’Epifania compreso, escluse le sere di Capodanno e del primo gennaio, dalle ore 19,00, verranno preparate gustose cene a prezzi modici. Questi momenti conviviali in passato sono stati apprezzati dai dovadolesi, oltre che da numerose persone provenienti dai paesi e città dei dintorni, così come avviene per i ristoranti che hanno sede nel territorio comunale. In piazza Marconi il suggestivo fuoco e il maestoso albero di Natale ricorderanno a tutti il particolare periodo dell’anno ricco di tradizioni popolari e di storia, senza dimenticare le persone più svantaggiate.

Non a caso il ricavato delle serate, tolte le spese vive, verrà utilizzato dai vari sodalizi per sostenere le proprie attività che, nella quasi totalità dei casi, hanno uno scopo marcatamente sociale. Anche la serata di Capodanno si potrà festeggiare a Dovadola, sia presso i ristoranti della zona con la possibilità di degustare menù tipici locali e romagnoli, sia avendo e’ zöch d’ Nadêl sotto agli occhi. Infatti i gestori del Circolo Azzurro di Piazza Marconi hanno deciso di organizzare una cena per aspettare l’arrivo del 2014 (costo 15 euro solo su prenotazione: 3397757227).

CONDIVIDI
Articolo precedenteÈ morto Sante Lombardi
Articolo successivoPrisoners - Streaming
Ex sindaco di Dovadola, classe 1953, dal 1978 al 1985 dipendente del Comune di Dovadola. Come volontario in ambito culturale è stato dal 1979 al 1985 responsabile della programmazione del Cinema Saffi e dell'Arena Eliseo di Forlì e dal 1981 al 1985. Coordinatore del Centro Cinema e Fotografia del Comune di Forlì. Nel giugno 1985 eletto Consigliere comunale e nell'ottobre 1985 nominato Assessore comunale di Forlì con deleghe alla cultura e allo sport. Da quell'anno ha ricoperto per 24 anni consecutivi il ruolo di amministratore dello stesso Comune assolvendo per tre mandati le funzioni di Assessore e per due a quella di Presidente del Consiglio comunale. Dirigente e socio di associazioni culturali, sociali e sportive presenti in città e nel comprensorio. Promotore di iniziative a scopo benefico. E' impegnato a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico di Forlì e della Romagna. A tale scopo dal 1995 ha organizzato una media di oltre 80 appuntamenti annuali, promuovendo anche interventi di recupero del patrimonio architettonico di alcuni edifici importanti o delle loro parti di pregio. Autore di saggi e volumi, collabora con settimanali, riviste locali e romagnole. Dirigente dal 1998 di Legacoop di Forlì-Cesena in qualità di Responsabile del Settore Servizi. Nel 1997 è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.