Musei San Domenico Forlì

Giovedì 12 settembre, alle ore 17,00 nella sala del refettorio dei Musei San Domenico di Forlì, verranno presentati i lavori di restauro della “Madonna della Pace” di Vitale da Bologna nella sua nuova collocazione all’interno della Pinacoteca Comunale. In questa occasione sarà possibile ammirare la splendida tavoletta raffigurante la Madonna dipinta da Vitale da Bologna nella metà del trecento che, dopo un accurato restauro, torna nel luogo dove per molti anni era stata custodita dal Beato Marcolino e alla quale egli riservava una particolare devozione. L’ordine Domenicano, che ne è proprietario, la concede in deposito al museo che ha sede proprio in quello che fu il suo convento, portando a compimento un ideale “ricongiungimento” con il Beato Marcolino e concludendo in questo modo un circuito di vicissitudini avviato con la soppressione del complesso conventuale in età napoleonica. La sua nuova collocazione sarà nella sala della Pinacoteca dove già è conservata l’ arca sepolcrale del Beato Marcolino (di Antonio Rossellino e bottega, 1458).
Dopo il saluto del sindaco di Forlì Roberto Balzani, e dell’assessore alla cultura Patrick Leech, gli interventi di Cristina Ambrosini (dirigente servizio Pinacoteca e Musei, project manager Forlì città della cultura), Anna Colombi Ferretti (soprintendenza per i beni storico artistici ed etnoantropologici di Bologna) e Luciana Prati (già direttore Musei San Domenico) illustreranno la storia e le vicissitudini di quest’opera nonché i particolari dello speciale rapporto con il Beato Marcolino. Il restauro, realizzato sotto la direzione della soprintendenza, sarà illustrato dalla restauratrice, la dottoressa Isabella Cervetti. Saranno presenti i rappresentanti dell’ordine Domenicano che, con grande disponibilità, hanno permesso di riconsegnare alla pubblica fruizione questa affascinante opera. In particolare interverranno: Fr. Riccardo Barile e Fr. Paolo Venturelli, rispettivamente priore provinciale ed economo della provincia di San Domenico in Italia e Maria Teresa Bocchini, priora del terzo ordine Domenicano. Grazie a questa fruttuosa collaborazione la “Madonna della Pace” potrà essere d’ora in poi visibile al pubblico nei Musei San Domenico, ad ingresso gratuito.