Polizia Municipale

A partire da domani mercoledì 21 agosto sarà possibile usufruire di una riduzione del 30% sulla sanzione minima prevista qualora il pagamento venga effettuato entro 5 giorni dall’accertamento o dalla notifica del verbale.

Chi può usufruire della riduzione? Possono usufruire della riduzione tutti i destinatari del verbale, pertanto sia il conducente sia il proprietario del veicolo.

Come fare per poter pagare la sanzione ridotta? Per poter usufruire della riduzione è necessario che il pagamento della somma ridotta indicata sui verbali avvenga entro 5 giorni dall’accertamento o dalla notifica. Pertanto chi riceve il verbale immediatamente al momento della sua redazione avrà 5 giorni di tempo a partire dalla data riportata sull’atto mentre chi riceve il verbale alla residenza a mezzo posta (o per mezzo di messi notificatori) avrà 5 giorni di tempo a partire dalla data di ricevimento.

Come si computano i termini? Per principio giuridico i termini di 5 giorni si computano partendo dal giorno successivo a quello di ricevimento del verbale (che pertanto non viene computato). Se il 5° giorno cade in giornata festiva il termine si intende prorogato di diritto al primo giorno feriale utile.

E’ possibile usufruire della riduzione anche a seguito del Preavviso (la multa che in pratica viene messa sul parabrezza Ndr)? Il preavviso di accertamento (atto lasciato sul vetro parabrezza del veicolo) non è previsto dalla legge ma è una creazione della prassi amministrativa per permettere all’interessato di estinguere il proprio debito evitando la spedizione del verbale ed il maturare delle relative spese. Il pagamento della sanzione riportata sul preavviso prima della spedizione del verbale è idoneo ad estinguere il debito. In considerazione di quanto sopra i Comandi di Polizia Municipale hanno ritenuto di poter accettare a saldo il pagamento della sanzione ridotta al 30% anche oltre il 5° giorno previsto per legge. Per i preavvisi redatti dalla Polizia Municipale di Forlì il pagamento ridotto viene incassato a saldo se effettuato entro 6 giorni dalla data di accertamento. In caso il preavviso non venga pagato oppure venga pagato dopo la spedizione del verbale il destinatario del verbale spedito potrà ancora usufruire della riduzione della sanzione se paga entro i 5 giorni previsti dalla legge ma alla sanzione ridotta dovranno essere aggiunte le spese maturate (14,00 euro). Dal 6° al 60° giorno la sanzione da pagare diviene il minimo previsto dalla legge (non ridotto) più le spese. Oltre il 60° giorno la sanzione diviene la metà del massimo (in pratica si tratta di un raddoppio) previsto più le spese.

Come si viene a conoscenza dell’importo da pagare? Gli importi da pagare, sia quello ridotto che i restanti, saranno scritti sui preavvisi o sui verbali.

Ci sono violazioni per le quali non è possibile pagare la sanzione ridotta? Sì, per alcune violazioni, ritenute più gravi, perché prevedono la sanzione accessoria della confisca del veicolo o della sospensione della patente di guida, non è possibile pagare la sanzione ridotta. In questi casi i verbali non riportano indicazioni sulla riduzione della sanzione. Unica eccezione riguarda la violazione per circolazione con veicolo scoperto di assicurazione. In questi casi la riduzione della sanzione è ammessa, nel termine di 5 giorni dall’accertamento o dalla notifica del verbale.