Ristorante 3 Corti

0

Ristorante 3 Corti

annesso a Grand Hotel Forlì
Via del Partigiano, 12 bis
47121 Forlì
tel 0543 – 479122
mail: info@ristorante3corti.com

Nuovissima struttura ricettiva (Hotel + Ristorante) integrata a maxi Stazione di Servizio a marchio Beyfin (petroliere toscano). Grande parcheggio antistante ed adiacente alla struttura. Hotel, annesso al Ristorante, di grande livello “4 stelle superior”.

Chiusura: mai chiuso. Stakanovismo allo stato puro!

Per raggiungerlo, esci al casello di Forlì, direzione Castrocaro, sul GPS scriverai “Via del Partigiano” e non ti sbaglierai.

La zona: bellissima, collinare (evoca i mitici rally “Colline di Romagna”), con molto verde, anche fluviale, ricca di storia, un naturale collegamento tra Forlì e Firenze mediante la bellissima tortuosa rallystica panoramica SS67, e già meriterebbe un viaggio su questa strada per l’Acquacheta, magari potrai organizzare un bel fine settimana in hotel; strada rimasta in alcuni punti ai tempi di Leopoldo II, ultimo Granduca di Toscana, mecenate e suo magnifico ideatore (vedere lapide al Passo del Muraglione), e per questo molto suggestiva, davvero impegnativa per la guida (consiglio, di giorno, di suonare in curva!).

Il locale: Grandissimo nuovissimo con una ampia sala con alcune diramazioni; tavoli moderni di materiale plastico ma ben realizzati, sotto-tovaglia di tessuto e tovaglia di carta usa-e-getta; tovaglioli di carta. No comanda sul tavolo (molto bene). Servizi igienici molto ampi, razionali, pulitissimi; asciugamani solo a getto d’aria (preferisco sempre la carta). Ho pranzato durante la settimana e c’erano quasi 90 commensali. Non male.

Un’equipe di camerieri professionisti, tutti in livrea, ti servirà, ma la peculiarità sarà che dovrai fare il “self service” per quanto riguarderà antipasti e contorni. Difatti una stesa enorme posta sopra una lunga serie di tavoli, si presenterà ai tuoi occhi affamati.
Ho contato:
– 17 tra antipasti e contorni ! (carpaccio; insalata tonno e fagioli; insalata di riso; cous-cous; ecc)
– frutta e pesche sciroppate
– ben 6 dolci!!!
– pizza, ma del tipo “da forno” cioè un po’ alta;
(nota: alle ore 14,05 è arrivata dalla cucina una bella pirofila di seppie & piselli!)

Il primo piatto, il secondo ed il caffè ti saranno serviti dai già citati solerti camerieri.

Menù classici romagnoli: paste fatte in casa e secondi della cucina campagnola con divagazioni a tema (la sera).
La sera fanno anche la pizza, mi han spiegato (essendo un cliente “curioso” che fa molte domande…) che trattasi di pizza a lievito-madre e lievitazione di ben 27 ore! Per il fritto vantano dire che utilizzano olio di arachide e che viene sostituito frequentemente, quindi il fritto risulterebbe “leggero”, di facile digestione (sul fritto amerei follemente olio di oliva extra vergine, punto di fumo più elevato, ma siamo in crisi…).

La Cantina. Anche per quanto riguarda il “bere”, sarà tutto a self-service: potrai attingere da una serie di “spine” dall’acqua di Ridracoli, al vino bianco fermo e frizzantino, rosso, e la birra. Tutto a servizio libero e senza restrizioni, fatto salvo un occhio al codice della strada… (ma abbiamo un Hotel pronto per i “pisolini”)

Ho mangiato (pranzo di lavoro a mezzogiorno) (a 10 – dieci- euro!!!**)
– 1/2 piatto di rigatoni pomodoro e basilico
– 1/2 piatto spezzatino alle verdure al sugo chiaro
– bis di dolci (!)
– acqua
– poco vino
– caffè (NB: tazzina con bordo scheggiato, ahia!)
(**incredibile rapporto quantità/qualità/prezzo!)
(voto globale da 1/10: 7)

Prezzi: Come ho detto, con la modica cifra di 10 € farai il pranzo di lavoro, senza limiti di quantità, praticato dal lunedì al sabato; la domenica, solo a mezzogiorno, viene “aumentato” di 3 euro, quindi a 15 euro potrai mangiare liberamente e a più non posso). La sera menù alla carta, e pizza.

Ristorante (con annesse ampie sale), ideale per riunioni di lavoro, meeting, cerimonie, eventi, congressualità politiche.

Ottima la posizione della moderna grande e razionale Stazione di Servizio Beyfin, tra l’altro con prezzi concorrenziali.

Le mie note finali e personali: la musica di sottofondo era troppo alta. No televisori. Veramente unico il rapporto del “cosa ottengo/quanto spendo”.

Gigi Arpinati

CONDIVIDI
Articolo precedenteForlì Cammina, ci vado anche io!
Articolo successivoMostra Carissimo Pinocchio
Sono un 62enne con 40 anni di attività professionale sulle spalle. Per divertimento mi avvicinai alla cucina, poi un magnete mi attirò verso la passione sui Ristoranti. Il caso volle che divenni un segnalatore per la guida di Veronelli, "I Ristoranti di Veronelli". La mia vita professionale mi ha portato a girare Italia e Francia. Sono un curioso che ha sete di notizie. Riservato ed anonimo, sempre!