La Nave 2011

Da oltre 10 anni, le Scuole La Nave in collaborazione con Domus Coop sviluppano attività laboratoriali rivolte ai propri studenti con lo scopo di aiutarli a sviluppare una personalità piena e un adeguato senso di appartenenza attraverso percorsi teatrali. Tra gli appuntamenti più importanti sono da evidenziare il Presepe Vivente, che si svolge a dicembre nel centro storico di Forlì, e diverse rappresentazioni a tema presentate nel Teatro Diego Fabbri proprio nel mese di maggio: mercoledì 8 maggio alle ore 18,00, sarà infatti il turno dei 140 ragazzi delle Scuole Medie, mentre i 270 bambini delle elementari concluderanno il loro percorso educativo mettendo in scena il loro spettacolo giovedì 23 e venerdì 24, entrambi i giorni alle ore 18,30. Allo spettacolo, del principale teatro cittadino, potranno assistere genitori, famigliari dei giovani attori e quanti altri vorranno.

Gli studenti si sono preparati a questi eventi attraverso un laboratorio teatrale durato oltre 150 ore. Il progetto, dal titolo ‘Il laboratorio dei talenti’ è stato diretto da Massimo Fabbri, operatore della Domus Coop, con il quale gli studenti ogni anno hanno sviluppato un percorso originale e complesso sia nella costruzione del testo teatrale sia nella scelta di interpretazioni. Il titolo della rappresentazione delle Scuole Medie, appuntamento in cui verranno anche distribuiti i “diplomi” per chi termina il percorso scolastico e le “carte d’imbarco” per chi lo inizia, ha come titolo: ‘What is the man?’ A lezione con Shakespeare.

Gli alunni delle scuole elementari, invece, metteranno in scena uno spettacolo che seguirà la traccia: ‘La lunga storia dell’amicizia tra Dio e l’uomo’. Entrambi i temi sono stati condivisi e sviluppati insieme ai ragazzi durante il laboratorio, dove nella pratica e nella creatività sono stati sviluppati anche contenuti più profondi, specifici per ogni tema o storia affrontata. La figura del maestro come persona autorevole e coordinatrice è stata un riferimento durante tutto il laboratorio e per alcuni ragazzi è una reale occasione per far venir fuori il proprio talento e anche una responsabilità indirizzata al lavoro di gruppo. La peculiarità del laboratorio è quella di avere in sé sia una parte strettamente manuale, sia una parte più legata alla parola e alla corporalità: ciò permette di incontrare le diverse sensibilità e i temperamenti dei ragazzi.

Il percorso consente quindi ai ragazzi di fare esperienza di una attività che ha un inizio, si evolve in un lavoro comune e si conclude con la manifestazione dello spettacolo da svolgere insieme. Ogni ragazzo a maggio è dunque chiamato ad esserci in prima persona (imparare a memoria, provare a fare quello che gli è stato mostrato, unire la parola al gesto), in classe ha costruito la storia e lo spettacolo insieme ai suoi compagni, ha fatto prove e scoperto i propri talenti, ora è arrivato il momento di metterli in scena nel teatro più prestigioso della sua città.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCon Madre Carmela Aprile rinasce il Cinema neorealista in Sicilia
Articolo successivoSalsamenteria Tomba, una storica bottega
Classe 1963, diploma in Ragioneria, iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti dal 1994. Appassionato di giornalismo e social network ha collaborato come giornalista pubblicista per la Gazzetta di Forlì, per la Gazzetta dello Sport, Corriere di Forlì, Forlì&Forlì e dal 2000 fino ad aprile 2013 per Il Resto del Carlino di Forlì. Da luglio 2011 è direttore di 4live.