laura fuzzi

Laura Fuzzi (nella foto mentre riceve un premio da Lella Costa) è una giovane artista meldolese che organizza e conduce percorsi didattici e laboratori  di illustrazione, fumetto, stop motion e fotografia, tutti corsi specifici rivolti ai bambini e ragazzi. Ricorrenti per l’autrice sono le pubblicazioni – specializzate – in ambito fumettistico e le mostre, non solo territorialmente, ma anche fuori regione. Recentemente ha realizzato la nuova locandina per il Festival 16corto 2013 e il disegno per la maglietta della Settimana del Buon Vivere. È co-fondatrice della rivista “Resina” giunta al suo quinto album, per la quale è autrice di atipiche e intriganti storie fumettistiche. Un’attività dinamica che ha ricevuto notevole interesse con ottimi riscontri di pubblico e attenzione, registrati sia per le mostre realizzate, sia per le pubblicazioni. Ultimamente ha vinto il primo premio del Concorso letterario nazionale Arturo Loria 2013 nella sezione “Graphic Novel” ed è tra i 4 giovani artisti emergenti, selezionati sul territorio italiano, per partecipare al Napoli Comicon.

Per conoscere meglio le attività della Fuzzi consultare il blog: trallalaura.blogspot.com/

Il Napoli Comicon, in corso dal 25 al 28 aprile 2013, è uno degli eventi più importanti a livello nazionale dedicati al fumetto. Quest’anno gli artisti emergenti selezionati per parteciparvi sono solo quattro, perché essendo il tema il rapporto tra fumetto e architettura, è stato pensato qualcosa a metà tra l’espositivo e il performativo, con aspetti da vero e proprio reality. Gli artisti selezionati, infatti, disegneranno dal vivo per tutti e quattro i giorni della manifestazione.  Il fumetto è una narrazione grafica, prima ancora che letteratura disegnata. La grafica di un fumetto è caratterizzata da margini, spessori, distanze, proporzioni, inquadrature ricorrenti, punti luce e prospettive. Il fumettista progetta lo spazio del foglio con lo scopo di raccontare qualcosa avvalendosi di tecniche grafiche e convenzioni visive destinate al lettore complice. Anche l’architettura è un arte visiva e, come il fumetto, ha in comune una fase progettuale in cui l’architetto progetta lo spazio, che non è detto sia realizzato, ma che sarà reale e tridimensionale. In un certo senso, l’architetto è lo sceneggiatore di una costruzione o di uno spazio. Ma è anche un visualizzatore che si esprime con progetti grafici pieni di geometrie, schizzi e illustrazioni. I ruoli sono un po’ differenti. L’architetto progetta funzioni. Il fumettista narrazioni. Però entrambe le missioni riguardano le vite delle persone, quelle reali e quelle immaginarie.  Tra gli artisti meritevoli, adatti ad affrontare il tema architettonico e disponibili a mettersi in gioco dal vivo per quattro giorni, c’è Laura Fuzzi, giovane artista meldolese. La Fuzzi è ritenuta, infatti, uno dei segni più interessanti e strutturati del panorama italiano. Possiede delle matite vigorose e non ha paura di gestire gli spazi di vignette generose, capaci di essere singolarmente illustrative e sequenziali nell’insieme.