Aeroporto Forlì

“Folì aelopolto di Folì”. E se la soluzione dell’annoso problema dell’aeroporto Ridolfi di Forlì arrivasse dalla Cina? La voce, e la speranza, di una soluzione finalmente definitiva, è stata ripresa anche dal quotidiano La Voce. Pare che dalla Cina ci sia un interessamento verso lo scalo forlivese che consentirebbe allo stato asiatico di aprirsi una porta verso l’Occidente, e in particolare sull’Adriatico, per fare sbarcare  persone e merci provenienti dall’Oriente. Per onor di cronaca solo poche settimane fa era stata ventilata un’ipotesi araba, poi naufragata.

Del resto una qualunque ipotesi italiana pare veramente una chimera. Riccardo Roveroni, il commercialista bolognese incaricato di liquidare la Seaf, cioè la società che gestisce il Ridolfi, sta cercando di trovare una qualunque soluzione per togliere Forlì dalle sabbie mobili di una crisi irriversibile. Lo scalo forlivese tra pochi giorni sarà dato in concessione attraverso il bando dell’Enac. Si aspettano segnali. Si spera.

Oggettivamente, e speriamo di sbagliarci, la realtà dell’aeroporto forlivese è drammaticamente un’altra. Intanto altro denaro dovrà essere investito nella SEAF anche nella gestione del commissario liquidatore. In attesa che qualche soggetto si prenda in gestione l’aeroporto di Forlì dopo che gli verrà assegnato con il nuovo bando ENAC. La situazione attuale del Ridolfi è abbastanza tragica tanto che gli azionisti dovranno mettere mano al portafoglio per almeno 1,5 milioni di €.

Un grosso sacrificio nonostante  la struttura aeroportuale continui a perdere soldi nella voragine della crisi. Il commissario Roveroni ritiene il Ridolfi una struttura con eccellenze come risorse umane. Secondo lui infatti si deve cercare di valorizzare tutto il contesto della struttura produttiva per renderla appetibile. Una posizione ottimistica presa più per dovere istituzionale che per scelta pragmatica. Forlì è in questa situazione perchè poco appetibile nel mercato del trasporto aereo. C’è qualcuno che può smentire questa realtà? Forse solo qualcuno con gli occhi a mandorla…