Successo annunciato per “Segni e sogni a fior di pelle: Tatuaggi & Piercing”

0

“Segni e sogni a fior di pelle: Tatuaggi & Piercing”, si è dimostrato un evento socio-culturale di successo, pieno di interessanti proposte, promosso dalla collaborazione e le sinergie tra il Quartiere Ca’Ossi, il Centro di Aggregazione Giovanile La Tana, l’Enaip, l’Enfap, col patrocinio della Circoscrizione 2. Una giornata avviata, quella di mercoledì 30 maggio, all’insegna della qualità grazie alle proposte coinvolgenti per tutti i cittadini. un invito che, nell’arco della giornata, con le numerose iniziative messe in campo ha magistralmente animato l’evento culturale realizzato da e per i giovani. Sono state queste, tutte proposte ricche e coinvolgenti legate al mondo giovanile e non solo, che ha riscosso notevole successo e grande attenzione del pubblico partecipe, oltre a dimostrarsi molto interessato alla proposta dell’originale evento e del tema affrontato.

Il ricco programma, adatto a tutte le età, ha visto l’esposizione della mostra “Segni e sogni a fior di pelle”, a cura di M. Adele Piazza, formata da un percorso ragionato e di sviluppo che ha presentato l’universo del tatuaggio e del piercing verso le varie mutazione sociali.
Dalle ore 18,00, avviato con il saluto e ringraziamento dal Quartiere Ca’Ossi, a voce del Vice-coordinatore Giuseppe Milanesi, si è visto a seguito professionisti disponibili al confronto pubblico in grado di svolgere interventi mirati. Molta la partecipazione e l’attenzione che non è mancata nei presenti, mentre il tatuatore, l’estetista, il psicologo e l’operatore sanitario, moderati dalla sociologa Piazza, si sono espressi in seguito alla presentazione del punto di vista delle giovani forlivesi, Sara Valmori e Sara Guidi.
Figure professionalmente importanti con le quali il pubblico ha potuto affrontare e chiarire i vari aspetti legati al tatuaggio e al piercing e, ovviamente non sono mancate, da parte dei tantissimi presenti, domande e chiarimenti in relazione a queste pratiche così tanto pubblicizzate e fin troppo sconosciute.

La presenza dell’assessore Katia Zattoni e anche del presidente Circoscrizione 2, Giulio Marabini, ha donato nei molti presenti, giovani e meno giovani, una conferma della attività partecipativa da parte delle istituzioni e amministrazione locale.
Valida e notevole anche la seconda mostra realizzata con la partecipazione dei ragazzi de La Tana, dei studenti di diversi corsi degli Istituti Enaip ed Enfap, che con la guida dei loro docenti, hanno entusiasticamente partecipato alla riflessione su questi temi attraverso discussioni in classe ed elaborati spontanei, con il risultato finale della realizzazione di pannelli espositivi con propri disegni ed opinioni al riguardo.

La giornata è stata allietata dalla musica dei ragazzi de La Tana mentre all’interno dello stesso Centro Giovanile si poteva vedere proiettato il filmato, a cura degli stessi giovani, “Dirlo con un tatuaggio?”, interviste e opinioni da parte dei giovani. Alla postazione delle giovani estetiste Enfap, presenti in numero e disponibili, sono state eseguite piccole performance a grande richiesta dei tantissimi presenti e, in chiusura dell’evento, non è mancato il rinfresco con aperitivo e snacks per tutti al Bar Pizzeria Nitroglicerina.

Il Comitato di Quartiere Ca’Ossi è un organismo elettivo i cui componenti operano su base volontaria. Si occupa del benessere e dello sviluppo del Quartiere, si rapporta con i cittadini di riferimento accogliendone le istanze e rappresentandole all’Amministrazione comunale e propone tutti gli interventi necessari nell’ambito della sicurezza, della viabilità, protezione aree verdi, favorisce e realizza iniziative socio-culturali, di divertimento e socializzazione. In questo contesto si colloca anche l’evento proposto mercoledì 30, iniziativa promossa con un duplice intento, da un lato quello di informare e chiarire alcuni aspetti legati al tema affrontato, dall’altro lo stimolo alla socializzazione e confronto dei cittadini.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTragedia nel basket: in un incidente muore Colussi ex Fulgor Forlì
Articolo successivoIl 5° giro delle colline meldolesi
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.