librincontro

“Leggere fa crescere: è questo lo spirito de “Il Maggio dei Libri”, la campagna nazionale, promossa dal Centro per il Libro e la Lettura del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, nata nel 2011 con l’obiettivo di sottolineare il valore sociale della lettura come elemento chiave della crescita personale, culturale e civile.”
Queste le frasi della presentazione nazionale, a Forlì “Il Maggio dei libri” è stato un evento di successo pieno di iniziative, promosso dalla Fanzinoteca d’Italia con sede a Forlì (c/o Circoscrizione 2 in Via E. Curiel, 51), e avviata all’insegna della qualità di proposte coinvolgenti per tutti i cittadini.

Presentata per il secondo anno consecutivo dal 3 al 20 maggio,con un notevole aumento di proposte ancora più ricche e coinvolgenti legate al mondo delle lettura proposto dai vari punti di vista. L’unica “Biblioteca delle fanzine” in questo specifico contesto ha presentato la visione di due mostre, la prima “Fanzine percorsi in corso” posta presso l’Atrio Espositivo della stessa Fanzinoteca e la seconda “Editoria Fanzinara italiana” allestita, nella giornata del 6 maggio, presso i locali della struttura “Casa Mia”. Tre incontri pubblici, tra i quali il 3 maggio alla Biblioteca Villa Spada Tassinari Clò, Quartiere Saragozza (Bologna), dove si è presentata la realtà e i servizi della Fanzinoteca d’Italia, una proiezione nella serata del 7 maggio del video-fumetto “Diabolik chi sei?”, con un totale di 10 aperture tra le quali 7 straordinarie e 3 presenze fuori sede. L’evento ha riscosso un aumento di presenze, dall’anno passato, con notevole successo, nonché, grande attenzione di pubblico partecipe e molto interessato alla proposta.

A chiudere Il Maggio dei libri fanzinaro è stato l’incontro col pubblico svoltosi sabato 19 maggio con la presenza dell’autore Sergio Cavicchi e la presentazione del volume “I dodici rintocchi”, entrambi provenienti dall’ultimo Salone Internazionale del Libro di Torino. Pubblico presente anche per questa iniziativa dedicata al libro scritto da sei autori, edito da e.lui editore, nella collana Blue rose, una proposta letteraria che rappresenta nelle 12 immagini di un ipotetico orologio del tempo andato la narrazione di eventi in riguardano alla storia stessa. Sergio Cavicchi, Jamila Bertero, Aurora Biancato, Iavi Drake, Siria Evangelista, Igor Spadoni, sono questi gli autori che ruotano intorno alla Associazione NOMS di Cesenatico e provengono da un’esperienza editoriale dell’associazione proposta nello scorso periodo. Attenzione e domande dai partecipanti all’incontro, curiosità e dubbi sul contenuto del volume proposto hanno attivato un vivace scambio di opinioni tra Cavicchi e i presenti.

Per tutta la durata dell’evento gli interessati, oltre ad avere avuto la presenza costante e disponibile dell’esperto fanzinotecario, Gianluca Umiliacchi, hanno potuto visitare la Fanzinoteca d’Italia nelle sue aperture straordinarie al pubblico, consultare e domandare di questo grande e “atipico” mondo editoriale. Scopo della campagna Il Maggio dei libri è quello di portare lo stimolo della lettura tra la gente, distribuirla, farla conoscere, comprendere, connotandola di un forte valore sociale e affettivo. Il testo scritto, quindi, esce dal suo contesto abituale e dilaga sul territorio: dalle grandi città ai piccoli centri fino alla Fanzinoteca d’Italia, attraverso il coinvolgimento di pubblico in contesti diversi da quelli tradizionali, per intercettare quelle persone che non leggono abitualmente, ma che possono essere incuriosite alla lettura, se adeguatamente stimolate. Ovviamente non si tratta di solo proposte fine a se stesse ma anche momenti di approfondimento per conoscerne e comprendere il difficile mondo delle fanzine.

Molto successo anche per la mostra “Fanzine percorsi in corso”, formata da un percorso ragionato e di sviluppo che porta alla produzione fanzinara italiana verso le varie mutazione socialmente possibili e, di conseguenza, da ex-fanzinaro a nuovo artefice della comunità. Insomma, proporre e chiarire tutte le potenzialità di questo veicolo di comunicazione e confronto, favorendo e stimolando l’abitudine alla comunicazione aperta, elemento chiave della crescita personale, culturale e sociale, grazie ad una cultura sociale, quella dell’editoria fanzinara, non eclatante e troppo spesso poco fruibile per lettori non “educati” a comprenderla.

CONDIVIDI
Articolo precedente"Coltiviamo la legalità" a 20 anni dalla strage
Articolo successivoCorso di formazione per creazione siti web
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.