Osteria L’Amorosa

2

Osteria L’Amorosa
Indirizzo: via Ravegnana, 310 a Forlì
Recapiti tel. 0543 – 796100

Giorno di chiusura: sabato e domenica
Orario di esercizio pranzo/cena: 12,00/15,00 – 19,00/23,00)
Si può prenotare? Si, impellente, sempre pieno.
Carte di Credito? Si.

Come arrivare/itinerario consigliato: portarsi su via Ravegnana, lo trovi in alto verso la città.
Parcheggio: antistante.
Il locale non ha sale all’aperto.

Articolo di Gigi Arpinati del 28 gennaio 2018

Parlare dell’Amorosa, in quel di Forlì, vuol dire: “Tagliatelle”. Sacre, indiscusse, ben accette, indispensabili, importantissime. Cibo di tutti, una volta dei poveri. Amorosa, a titolo acquisito, a ragion veduta, è di fatto uno dei massimi esponenti in tema.
Ultimi segnalatori mi pregano di aggiornare recisione, forse avevo trascurato il posto sotto casa!
Frequento da sempre l’Osteria, direi che saranno 30 anni che seguo Daniele Tartagni, il Patron della Osteria in esame; lavoratore, serio, schivo, campione di tiro al piattello, una vita sulla ristorazione.
Daniele mi ha offerto un assaggio di tagliatelle e l’immancabile coniglio, acquolina in bocca per la tagliatella: grossa spessa ruvida, piuttosto larga, direi quasi pappardella; il ragù era perfetto: quindi Tagliatelle da primato? Si.
Non per nulla il locale è meta di “Pellegrini Golosi” e vanta trofei del calibro della “Confraternita della Tagliatella”.
Perciò Tagliatelle da 10 e lode, ma non solo: Cappelletti, Tortelli, Gnocchi (solo il Giovedì), Tagliolini, tutto buono. Il Ragù, lo ripeto, è quello canonico romagnolo misto carni, classico, non troppo unto né troppo “rosso”, voto: 10. Altri condimenti saranno possibili: “Alla Amorosa” cioè Panna Pomodoro e Salsiccia un po’ controtendenza (forse) ma sicuramente goloso assai; Burro e salvia, Panna (rieccola) Porcini e speck; Pomodoro e piselli, Ragù e piselli; Ragù di Stridoli (stridoli: Verdurina di campo spontanea, solo romagnola, Ndr).
Sui secondi abbiamo in pole position il famigerato Coniglio al Forno (voto 9,5); Galletto al Forno davvero buono; Stinco di suino al forno; l’immancabile Grigliata di “ciccia” romagnola; Tagliata di manzo e maialino; Tomino con verdure; filetto di suino alla Catalana. Tutto di pregio.
Verdure di stagione e le golose gettonate Patate al forno (voto 10); Verdure in gratèn anch’esse meritano un bel voto, 9. Sul “Bere”: eccoti in caraffa un buon ‘Sanzvès’ (Sangiovese) della Casa, (sapete quanto sia raro trovarlo “potabile”); troviamo una piccola proposta di ottime etichette locali.
Avventori fidelizzati e da decenni; dopo l’una vedrai una fila in religiosa silenziosa golosa attesa: prenotate per tempo.
Tutti i piatti sono elaborati con la formula “Ricetta by Amorosa” cioè, come si evince sul loro coreografico menu, detta in termini modaioli televisivi (Papà Parizzi me li ricordava nel 1980) vengono tutti fatti “con amore”. Ci credo, lo attesto. Buona tagliatella a tutti!

Dimensione del locale: Entri e trovi una pre-sala con un interessante tavolo “Anti-social” atto ad ospitare anonimi sconosciuti che potranno dialogare durante il desìo: socialmente interessante, mi ricorda 40 anni al ristorante Lurido a Rimini una tavola uguale; quindi altre due sale a seguire. Locale medio-grande.

Arredamento, tavola; servizi Igienici: tavolo schietto, da osteria, ok. Bene il wc.

La Cucina come area/note sulla stessa: Cucina a norma, addetti con cuffia, regna l’ ordine e la pulizia.

Direzione: Daniele Tartagni; Chef e sottocuochi direzione di Sala: Stella Tartagni.

Target del locale $$$: Medio.

Descrizione Menù.
– Antipasti: Affettati misti romagnoli con pecorino e piadina (ottima); Bruschette (Peperoni, Pomodoro, Porcini, Porri, Prosciutto), ottimo; Battilardo Amorosa (Affettato misto, Casatella, marmellata di fichi, piadina), ottimo.
– Primi piatti: si legga il pezzo.
– Secondi piatti: come sopra;
– Contorni: Si legga il pezzo: piatto forte le non-banali Patate al Forno e le verdure gratinate.
– Pizze/altro: no, grazie.
– Nel Cestino: pane e piadina, ottima.
– I dolci: Dolci fatti in casa, evidenzio la Zuppa Inglese e l’immancabile Ciambella romagnola da inzuppare nel sacro Sangiovese!

– Caffè/Invecchiati: Buona mostra di invecchiati.

– La Cantina: Carta dei Vini e dell’Acqua! Standard.
– Olio, Aceto, spezie: Regolare.

– Note sul menù / Piatti consigliati: Tagliatelle.

Verdetto finale:
Location (l’esterno): 8
Ambiente (il Locale): 8,5
Servizio: 8-9
Globale sul Menù: da 8 a 10 più eccellenze varie
Il voto del Conto: 10

– Locale del Cuore? Si.
-PL: Pranzo Lavoro? Praticamente sì.

“Sulla Porta”: il locale vanta queste “Placche”, di queste Guide:
– 4live.it
– “Via Emilia Ristoranti” www.viaemiliaristoranti.it
– Confraternita della Tagliatella, vincitore alcuni anni fa, citato.
– Tripadvisor, vincitore.

Puoi provare anche questi Ristoranti:
– Da Vittorio (adiacenza casello A-14 Forlì); recensito;
– Eataly in Piazza Saffi a Forlì;
– Pizzeria del Corso in C.so della Repubblica a Forli;

– Cosa c’è da vedere in zona: Forlì, il centro storico, i Musei San Domenico.
– In definitiva: indispensabile per i golosi della pasta fatta al matterello; cene di lavoro romagnole; cene per coppiette golose.


 

Articolo del 28 novembre 2011

Se cercate il miglior rapporto qualità-prezzo uno dei migliori ristoranti forlivesi, è sicuramente l’Osteria L’Amorosa di via Ravegnana 319. Un’osteria famosa soprattutto per l’eccellente pasta fatta in casa. E il coniglio. Al momento ricordo solo due ristoranti nel giro di una quindicina di chilometri in grado di servire la pasta fatta in casa: l’Osteria L’Amorosa e l’Elvezia di Predappio. E mi riferisco soprattutto alle tagliatelle. Veramente una prelibatezza (in entrambi i posti). Tornando all’Amorosa molto buoni anche gli strozzapreti pasticciati. Porzioni abbondanti con condimento equilibrato. Certo tra le varie recensioni potete leggere forse di una possibile mancanza di tranquillità, ma non bisogna dimenticare appunto che l’Amorosa si considera un’osteria e non un ristorante. Difatti anche gli interni e l’arredamento sono semplici, ma puliti. Insomma cucina e luogo tipico per un “mangiare casalingo” alla romagnola. Sono ottimi anche i crostini misti, ma soprattutto il coniglio, veramente tenero e delizioso. Per quanto riguarda il prezzo e la quantità vi illustro l’ultima visita. (10 persone). Assaggio di crostini misti: più o meno 3 a testa. Due primi: tagliatelle al ragù, strozzapreti pasticciati. Porzioni abbondanti che ci hanno costretto al bis/tris. Grigliata di carne: bistecche, salsicce e spiedini misti. Verdure e patate al forno. Vino in abbondanza e acqua a fiumi. Sei sorbetti al caffè e altrettanti caffè. Spesa 18 euro a testa.

Sesto Sellerai