Forlì ricorda Gino Mattarelli

0

Venerdì 28 ottobre, alle ore 18,00, ci sarà un seminario nella sala del consiglio comunale dal titolo “Gino Mattarelli, l’uomo dell’utopia possibile”. L’iniziativa è organizzata da Confcooperative Forlì-Cesena, dal Consorzio Solidarietà Sociale Forlì-Cesena e dal Comune di Forlì in occasione del 25° anniversario della scomparsa dell’autorevole uomo politico e cooperatore forlivese.

Scheda biografica
Nato a Casticciano di Bertinoro nell’ottobre 1921, Gino Mattarelli compì completò il suo iter formativo conseguendo la laurea in Economia e Commercio all’Università Cattolica di Milano. Fin dagli anni giovanili dedicò grande passione all’attività nel tessuto associazionismo cattolico, portando avanti anche una militanza politica nelle fila della Democrazia Cristiana fin dalla costituzione del partito. L’impegno in politica fu per lui una logica conseguenza di quanto aveva respirato in gioventù, prima in famiglia, poi nella Fuci e nella Federazione Giovanile Diocesana. Il suo percorso toccò tutti i livelli, dall’impegno di base fino ai vertici della Dc di cui fu segretario comunale, provinciale e consigliere in Municipio. Nel 1958, a soli 37 anni, venne eletto alla Camera dei Deputati e mantenne l’incarico parlamentare fino al 1976. In questo periodo fu segretario e poi presidente della Commissione Interni mentre nel governo Andreotti (1972/73) divenne sottosegretario alle Partecipazioni statali.

Il cooperatore
Gino Mattarelli mantenne sempre grande attenzione al territorio romagnolo e non venne a meno ad un impegno costante per l’affermazione della cooperazione. Dal 1968 rivestì la carica di presidente dell’Unione Provinciale Cooperative, (incarico che ricoprì fino alla scomparsa) e proprio al suo nome si lega in particolare la nascita della cooperazione di solidarietà sociale. Mattarelli fu infatti il primo in Italia a sostenere che il modello cooperativo fosse la forma giusta per dar dignità alle tante esperienze di associazionismo e volontariato. Nei suoi collaboratori e in chi lavorò insieme a lui, è rimasto vivo il ricordo dell’uomo “dell’utopia possibile”, forgiata dalla volontà di coniugare modelli di sviluppo economico concreti con i valori di fraternità e solidarietà, propri della tradizione cristiana che mantenne sempre come punto di riferimento. Si spense il 25 ottobre 1986, dopo essere stato colto da un improvviso malore mentre partecipava ad un convegno.

Il convegno commemorativo in Municipio
Il seminario organizzato a 25 anni dalla morte sarà ospitato nella Sala del Consiglio comunale, sede istituzionale nella quale Mattarelli partecipò fattivamente in qualità di consigliere della Dc al governo e allo sviluppo della città. I lavori inizieranno alle ore 18,00 ed inizieranno con l’intervento del sindaco di Forlì Roberto Balzani. Prenderanno quindi la parola Fabio Magnani (presidente Consorzio Solidarietà Sociale), Amedeo Scozzoli (presidente Confcooperative Forlì-Cesena), Claudia Fiaschi (presidente del Consorzio Gino Mattarelli) e Giuseppe Guerini (presidente di Federsolidarietà). Seguiranno gli interventi del figlio Piero, di don Dario Ciani, del senatore Lorenzo Cappelli e di Gianfranco Marzocchi. Coordinerà i lavori Roberto Zoli.

CONDIVIDI
Articolo precedente“Nuvole Parlanti a Forlì”
Articolo successivoAsili: Forlì la 7° più cara d'Italia
Classe 1963, diploma in Ragioneria, iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti dal 1994. Appassionato di giornalismo e social network ha collaborato come giornalista pubblicista per la Gazzetta di Forlì, per la Gazzetta dello Sport, Corriere di Forlì, Forlì&Forlì e dal 2000 fino ad aprile 2013 per Il Resto del Carlino di Forlì. Da luglio 2011 è direttore di 4live.