fiera vintage forlì

Dal 23 al 25 settembre torna questa manifestazione, prima in Italia per numero di visitatori e la terza per “anzianità” con una media di circa 13 mila visitatori per edizione (media delle due edizioni annuali dal 2008 ad oggi). Rientra tra gli eventi che registrano il maggior afflusso di visitatori nella città di Forlì (Romagna Fiere organizza circa 10 manifestazioni annuali in calendario per un totale di oltre 110.000 visitatori).
L’intento è offrire al visitatore uno spazio a tutto tondo dove sia possibile acquistare, svagarsi, conoscere, scoprire e rilassarsi.
La fiera, infatti, si articola in più AREE:

VINTAGE
L’area principale dedicata all’abbigliamento e gli accessori appartenuti al secolo scorso. Questi cimeli, definiti Vintage, sono oggetti di culto ancora attualissimi che hanno segnato un’epoca e sono rimasti nella memoria collettiva anche per le qualità superiori con cui sono stati prodotti e la possibilità che oggi offrono di creare uno stile personale, ricercato e vivace.

DESIGN/REMAKE
Vintage non è solo sinonimo di passato e spesso malinconia del tempo che fu, ma anche un nuovo modo per guardare al futuro: le sartorie creative, piccole aziende artigiane e designer mettono in vendita in quest’area le loro creazioni frutto di rielaborazione di materiali datati o dismessi, siano essi tessuti, lane, legno, carte da parati o pvc tutto può avere una nuova vita e creare nuove forme d’arte

COLLEZIONISMO
Dedicata agli oggetti della memoria e alle curiosità del passato: piccoli antiquari e collezionisti espongono complementi d’arredo di modernariato, vinili, latte d’epoca, giocattoli antichi, profumi da collezione ecc. per fare un salto indietro nel tempo in un’atmosfera da marchè-aux-puces. La decima edizione della kermesse si presenta ricca di colpi di scena, ad accogliere il pubblico in zona atrio, sarà allestita una mostra dedicata al Fashion designer, e artista Issey Miyake, che ha rivoluzionata assieme agli altri stilisti Giapponesi, il rapporto tra abito e corpo, tra tecnologia e natura, tra unicità e praticità. In esposizione una collezione di abiti principalmente degli anni 90 provenienti da una recente acquisizione dell’archivio di A.N.G.E.L.O. Vintage Palace, creazioni bidimensionali che creano volumi inaspettati una volta indossati che evidenziano la capacità di Miyake di giocare sui labili confini tra tecnica, artigianato e arte. In sala congressi Europa si terrà l’evento culturale “Polvere di Stelle”, sul Costume Jewerly, storia del bijoux americano d’epoca. Il convegno tenuto da Silvana Venturini genovese laureata in storia dell’arte e archeologia, analizzerà la storia del bijoux americano dall’Ottocento fino agli anni 60, il convegno sarà arricchito di diapositive esplicative, accompagnate da musica d’annata , e infine le modelle sfoggeranno per il pubblico presente i gioielli e gli accessori del decennio esaminato. La Fanzinoteca di Forli farà omaggio al cinquantenario del personaggio fumettistico Zagor, con due mostre, “Zagor 50 anni di tempi e spazi da Darkwood a noi” e la mostra consultabile “ Zagor mezzo secolo di passione”presentando per la prima volta al pubblico della manifestazione uno spaccato socio culturale legato al mondo dei pochi fumetti seguiti con attenzione sia dai padri che dai figli.. In orario aperitivo Cabaret di Burlesque a cura delle Silk Ribbon Sisters, le professioniste durante i 3 giorni di manifestazione metteranno a disposizione la propria professionalità, con workshop gratuiti per il pubblico che desidera avvicinarsi a questo tipo di danza. Infine l’Ecocorner Design a cura di Aldina ProgettiVintage Bar & Music by America Graffiti. La decima edizione si concluderà con il “Premio Stile di un’Epoca”e un vincitore per ogni settore della manifestazione Vintage-Remake-Collezionismo. In costante crescita il gradimento riscosso dal pubblico che si dimostra essere sempre più fidelizzato e dal target sempre più vario, con una particolare affluenza di visitatori dai 18 ai 35 anni e appassionati di moda americana anni’50 (Forlì e l’entroterra costituiscono un punto di riferimento nell’ambito rock’a ‘billy) come è in crescita l’interesse riscosso dallastampa e dai new media come blog , siti specializzati e social network. Oltre all’esperienza organizzativa, alla posizione strategica del polo fieristico e al cospicuo quanto diversificato pacchetto pubblicitario messo in essere per l’evento, il successo della manifestazione è decretato soprattutto dalla qualità espositiva, frutto di un continuo lavoro di approfondimento e ricerca nella diversità e originalità delle proposte.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAntica Pieve al Foro Boario
Articolo successivoSi inaugura la nuova sede Aism di Forlì
Classe 1963, diploma in Ragioneria, iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti dal 1994. Appassionato di giornalismo e social network ha collaborato come giornalista pubblicista per la Gazzetta di Forlì, per la Gazzetta dello Sport, Corriere di Forlì, Forlì&Forlì e dal 2000 fino ad aprile 2013 per Il Resto del Carlino di Forlì. Da luglio 2011 è direttore di 4live.