Star Wars – Le grandi saghe

2

Composta da: Star Wars Episodio I La minaccia fantasma (The Phantom Menace, 1999) Star Wars Episodio II L’attacco dei cloni (The attack of the clones, 2002) Star Wars Episodio III La vendetta dei Sith (the revenge of the Sith 2005), Star Wars Episodio IV Una nuova speranza (A new hope, in originale Star Wars, 1977), Star Wars Episodio IV L’impero colpisce ancora (The empire strikes back, 1979, Star Wars Episodio VI Il ritorno dello Jedi (Return of the Jedi, 1981) Diretto da George Lucas (Episodi I-IV, Irvin Keshner (ep. V), Richard Marquand (ep. VI) con (Prima trilogia) Leam Neeson, Ewan McGregor, Nathalie Portman, Ian McDiarmid, Frank Oz, Samuel L. Jackson, Haiden Cristensen, Cristopher Lee, (Seconda trilogia) Mark Hammil, Alec Guinnes, Harrison Ford, Carrie Fisher, Kenny Baker, Antony Daniels, Peter Mayhew,  USA, Genere: Fantascienza, Durata: 120 minuti circa a film, VOTO: 8

Tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana…“La saga che più di tutte ha rivoluzionato la storia del cinema. Fratello maggiore di Indiana Jones, fondamentale punto di svolta nella storia della fantascienza, sempre anni luce avanti nell’utilizzo degli effetti speciali e sonori. Alla trilogia originaria (Episodi IV-VI) alla fine degli anni Novanta ne è stata aggiunta una antecedente in ordine cronologico, che svela il passato dei personaggi e completa la storia. Ne viene fuori una saga familiare di guerre e morti, amore e intermezzi comici, che si svolge per trent’anni di storia di una fantomatica galassia sperduta nell’universo.

L’apparato tecnico è imbattibile (Suono, il grandissimo Benn Burtt, effetti speciali, scenografia, fotografia), l’avventura è sempre coinvolgente e a conti fatti nessun episodio è inferiore agli altri, nonostante rimanga intatto l’alone romantico e avventuroso che avvalora i primi tre film, sostituito nei nuovi da una miriade di affascinanti riferimenti politici (con una velata condanna alla politica di Bush) e da una messe in scena assolutamente spettacolare e all’avanguardia. Insomma, sia nei vecchi film che nei nuovi un cinema allo stato puro, un immenso giocattolone in cui è meraviglioso perdersi, una manna per appassionati di fantascienza e di avventura. Centinaia sono i personaggi alieni e umani, capaci di entrare nella memoria collettiva anche senza nessuna battuta (basti pensare al piccolo e verdastro Yoda) e decine i mondi inventati dalla mente geniale di un cast tecnico ampissimo. Lucas, regista, ideatore e produttore della saga con Guerre stellari ha creato un impero dal valore di miliardi e miliardi di dollari: Skywalker Sound per la registrazione del sonoro, THX per la rimasterizzazione dell’audio, Lucasfilm per la produzione di film, Lucasarts per la creazione di videogiochi e l’industrial light and magic per la realizzazione di effetti speciali, ancora oggi all’avanguardia. Frase memorabile di Han Solo (Harrison Ford), riferita a Carrie Fisher (Principessa Leila): “Carina la ragazza, non so se ucciderla o innamorarmi di lei“.