Forlì Music First: la finalissima

0
forli music first

Questa sera ci sarà la finalissima del “Forlì Music First” alla “Fabbrica delle candele”. La giuria sarà presieduta dal noto direttore d’orchestra forlivese Marco  Sabiu. La gara metterà a confronto, nell’arena interna della “Fabbrica delle  Candele” di piazzetta Corbizzi, i tre gruppi che hanno superato le selezioni  live: Margò, Arthemia e Divanofobia. I concerti dal vivo inizieranno alle ore 21,30 e ogni gruppo avrà a disposizione trenta minuti per la performance.

Il concorso, promosso dall’assessorato alle politiche giovanili del Comune di Forlì, è cofinanziato dal Ministero della Gioventù e da ANCI nell’ambito del bando nazionale a sostegno della musica giovanile indipendente, nel quale il  Comune di Forlì è risultato tra i vincitori assieme agli altri tre partner del  progetto denominato “Emilia-Romagna Indies”, cioè Comune di Piacenza, Comune di Faenza e MEI (Meeting delle Etichette Indipendenti).

La prima edizione del concorso – commenta l’assessore alle politiche giovanili Valentina Ravaioliha avuto ottimi risultati in termini di partecipazione di giovani musicisti, raccogliendo oltre cinquanta richieste di gruppi provenienti da tutta la regione con un  proprio repertorio. L’obiettivo è quello di consolidare il percorso, aprendosi  anche ai generi tradizionalmente più lontani dalle iniziative per emergenti e  ampliando i contatti con scuole, locali e altre manifestazioni del territorio  per offrire ai giovani occasioni di visibilità e l’opportunità di suonare dal vivo in contesti significativi”.

Per quanto riguarda i gruppi in gara: I Margò sono sei musicisti che conciliano la musica folk coi ritmi e le strutture del rock, del reggae e del rumorismo: Daniele Boattini (tastiere), Matteo Dina (basso), Emanuele Tumidei (batteria), Lorenzo Bulgarelli (percussioni), Alberto Rubini (chitarra) e Matteo Celli (voce). Negli ultimi  anni hanno vinto la 4° edizione di “Forlì4Peace (2008), partecipato nel 2009  alla finale del concorso nazionale “Laratro folk” nell’ambito del MEI di Faenza ottenendo il secondo posto, vinto il concorso “Tra palco e realtà” organizzato  da Lotostudio, RockPlanet e Mei di Faenza nel 2010.

Gli Arthemia con il loro sound che si rifà all’immenso contenitore del rock, contaminato dalle varie  influenze musicali personali dei componenti del gruppo. La struttura pop, le  contaminazioni post-rock e post punk, i testi ricercati e le grandi aperture dei  ritornelli sono il risultato finale. Ne fanno parte Michele Valtancoli (voce), Matteo Leoni (voce e basso), Marco Ricci (chitarra e cori), Giacomo Chelli (chitarra ed effetti), Francesco Parasiani (batteria).

I Divanofobia sono nati nel 2008, provenienti da Bologna, coltivano un genere musicale che si muove  tra il poetry pop-rock,/math/indie/post-rock. Compongono il gruppo Andrea  Lorenzoni (voce, basso, chitarra), Marco Donelli (chitarra, voci, basso), Marco Senin (chitarra, batteria), Paolo D’alonzo (batteria, voci, effetti, chitarra).

La giuria sarà presieduta dal noto direttore d’orchestra forlivese maestro Marco Sabiu e deciderà in base ai seguenti criteri: capacità tecnico-esecutiva, originalità della musica, del testo, dell’arrangiamento e della vocalità, presenza sul palco. Oltre a Sabiu, la giuria vede la presenza di figure di prestigio come la vocalist Emanuela  Cortesi, il manager in campo musicale Enzo Milani, il giornalista di “La Repubblica” e Ansa Gianni Gherardi e il Dj e giornalista forlivese Luigi  Bertaccini. Il gruppo vincitore sarà inserito in un circuito nazionale ed  internazionale in collaborazione con il MEI (Meeting delle Etichette  Indipendenti) di Faenza e con il Festival “Tendenze” di Piacenza. Il primo  classificato, inoltre, avrà la possibilità di registrare una compilation insieme  ai gruppi vincitori dei festival musicali di Piacenza e di Faenza e di esibirsi in alcuni importanti locali della Regione Emilia Romagna, individuati dagli  organizzatori del Concorso, quali Vidia, Vox ed Estragon.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLaura Pausini torna a Forlì
Articolo successivoForlì: movida-sì o movida no?
Classe 1963, diploma in Ragioneria, iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti dal 1994. Appassionato di giornalismo e social network ha collaborato come giornalista pubblicista per la Gazzetta di Forlì, per la Gazzetta dello Sport, Corriere di Forlì, Forlì&Forlì e dal 2000 fino ad aprile 2013 per Il Resto del Carlino di Forlì. Da luglio 2011 è direttore di 4live.