ceub rocca di bertinoro

Il Centro Universitario di Bertinoro ospiterà dal 22 al 27 aprile il XXI corso residenziale di Medicina del Sonno, organizzato dall’Associazione Italiana di Medicina del sonno (Aims), che comprende un iter formativo di base ed alcuni corsi avanzati, a cui parteciperanno 160 professionisti. La Medicina del sonno si è sviluppata negli ultimi 30 anni come una branca multidisciplinare che coinvolge la Medicina di base e numerosi specialisti (neurologi, pneumologi, otorinolaringoiatri, pediatri, internisti, psichiatri e psicologi, cardiologi, odontoiatri ecc…) e si occupa di specifiche patologie ampiamente diffuse come l’insonnia, i disturbi del respiro nel sonno, le sindromi con eccessiva sonnolenza diurna, i disordini del ritmo sonno-veglia, il sonnambulismo, gli incubi e altre manifestazioni notturne con agitazione motoria.
Solo per citare due importanti patologie del sonno – spiega Fabio Cirignotta, direttore dell’unità operativa di neurologia al S.Orsola-Malpighi di Bologna, oltre che direttore del corso di Bertinoro – il 10% della popolazione adulta soffre di insonnia cronica e il 33% degli uomini e il 17% delle donne sono affetti dalla Sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (Osas) o malattia dei grandi russatori che, se non curata, espone ad un elevato rischio di patologie cardiovascolari e di incidenti stradali; la malattia è causata da una ostruzione ripetitiva della gola durante il sonno, che determina un russamento “intermittente” e si accompagna spesso ad eccessiva sonnolenza diurna. I Centri di Medicina del sonno qualificati sono in grado di diagnosticare e curare queste patologie”.
I costi sociali dell’Osas sono stati recentemente riconosciuti da un documento della conferenza Stato-Regioni che sollecita le strutture sanitarie regionali a sviluppare percorsi diagnostico-terapeutici per la malattia; inoltre una legge italiana del gennaio 2015 ha recepito la direttiva europea sul rilascio della patente nei pazienti Osas, facilitando le procedure per quelli ben curati e prevedendo particolari accertamenti per i guidatori a rischio. Naturalmente questi provvedimenti devono essere accompagnati da un’intensa azione formativa rivolta alla popolazione e al personale sanitario coinvolto nella gestione della malattia. Il Corso di Bertinoro dell’Aims rappresenta ormai un’istituzione nel campo della formazione sui disturbi del sonno: in 21 anni circa 1500 partecipanti hanno sperimentato a Bertinoro un’intensa attività fisica (le salite della Rocca) ricreativa (piadina e squacquerone…) e culturale (incontro e dialogo con i migliori esperti della scuola italiana di medicina del sonno). La formula non poteva non avere successo.
La Medicina del sonno – conclude Cirignotta – non deve essere più considerata una disciplina di nicchia, ma una risorsa strategica di rilevante importanza dal punto di vista socio-sanitario per il benessere delle persone e per la prevenzione di gravi patologie vascolari, di incidenti stradali e sul lavoro”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRizòmata
Articolo successivoPiscina
Lo Staff comprende tutti i membri di 4live. Attivo fin dalla nascita di 4live (01.07.2011) ha lo scopo di comunicare tutte le informazioni e novità relative al nostro progetto.